Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Tre speleologi scomparsi nel Salernitano: bloccati in una grotta


Tre speleologi scomparsi nel Salernitano: bloccati in una grotta
04/07/2009, 11:07

Sono rimasti intrappolati in una grotta a causa di una piena improvvisa i tre speleologi pugliesi scomparsi nel Salernitano. Lo si apprende dal Corpo Nazionale del Soccorso Alpino e Speleologico. La squadra della VII Zona di Soccorso Speleologico del Cnsas (Puglia e Basilicata) è giunta all'alba in supporto alla squadra Campana che sta operando da questa notte. Attualmente i tre speleologi sono bloccati - secondo quanto rende noto il Cnsas - nell'inghiottitoio dei Vallicelli nel territorio di Monte San Giacomo (Salerno) sui monti Alburni, "al di là di un sifone allagatosi a causa delle piogge, cadute mentre erano in grotta". I dispersi sarebbero tutti salentini, due della provincia di Lecce, uno di quella di Brindisi. Si tratta - a quanto si è appreso - dei leccesi Antonio De Leo, di 43 anni e Gianluca Selleri, di 36 anni e del brindisino Cosimo Leone, 30 anni. E' già sul posto anche una squadra di tecnici specialisti SpeleoSub del Cnsas, con un medico ed infermiere della Puglia. Sul posto è presente anche una squadra di vigili del fuoco di Salerno - rende noto il Cnsas - con la quale si sta tentando lo svuotamento del sifone mediante l'ausilio di pompe. 

 

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©