Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Aveva riportato delle fratture

Treno deragliato: muore uno dei feriti dimesso


Treno deragliato: muore uno dei feriti dimesso
08/08/2010, 16:08

NAPOLI - Sale a due il bilancio delle vittime del deragliamento del treno della Circumvesuviana di Napoli dello scorso 6 agosto. E' morto infatti uno dei feriti, un uomo di 47 anni che era stato già dimesso dall'ospedale. Lo ha reso noto la questura di Napoli.
Carlo Cautiero era stato ricoverato dopo l'incidente all'ospedale "Loreto Mare", come la gran parte dei feriti.
Aveva riportato una frattura scomposta al malleolo ed una frattura al torace. In ospedale gli avevano applicato un tutore, era stato dimesso. Il pm Giuseppe De Falco ha ordinato il sequestro della cartella clinica di Cautiero.
Al macchinista, unico inscritto nel registro degli indagati, vengono contestati i reati di disastro ferroviario, omicidio colposo e lesioni, "contestazioni non suffragate da alcun accertamento tecnico", spiega Cosentini, ma "soltanto sulla dinamica dei fatti. Naso ribadisce la sua estraneita' alla dinamica del sinistro e confida nella puntualita' delle indagini dei magistrati. Puo' vantare un ineccepibile e ultra ventennale stato di servizio e non era ne' impegnato in una conversazione telefonica ne' assopito". Il legale, per questo, chiedera' anche una copia dei tabulati delle chiamate in transito sul cellulare dell'uomo, nonche' l'accesso ai luoghi del sinistro per un suo consulente e copia dei risultati degli esami della scatola nera, delle perizie della Scientifica e delle immagini delle telecamere di bordo. Non ci sara' invece un consulente della difesa domani alle 11 a presenziare all'autopsia sul corpo dell'unico deceduto nel deragliamento, il cancelliere in pensione Giuseppe Marotta, condotta dal perito della Procura Alfonso Maiellaro, "perche' ci fidiamo totalmente degli inquirenti". Naso intende attraverso il suo legale anche far pervenire ai parenti del 71enne morto il proprio cordoglio e si associa alle preghiere di Salvatore Scarpati per la vita del figlio Vincenzo, il 25enne che e' in coma farmacologico. Alle 10.30 di venerdi', pero', il macchinista ribadisce di aver segnalato la presenza di un cuneo di supporto a piattabanda sulla carreggiata di binari 'in linea dispari', cioe' frequentati da convogli in viaggio in direzione Napoli, come appunto quello da San Giorgio di cui era alla guida e che poi deraglio' all'uscita da un rettilineo in galleria, in una zona dove ci sono lavori in corso per la linea metropolitana.

Commenta Stampa
di Nando Cirella
Riproduzione riservata ©
LE ALTRE FOTO.