Cronaca / Sangue

Commenta Stampa

Alle 3.00 si contano 6 morti e decine di feriti

Treno esplode in stazione a Viareggio: si teme la strage


Treno esplode in stazione a Viareggio: si teme la strage
30/06/2009, 02:06

Sei morti accertati e una cinquantina di feriti, diversi dei quali in gravi condizioni, questo il bilancio, ancora provvisorio, del terribile incidente ferroviario che si è verificato alle 23.50 di ieri alla stazione di Viareggio. Un treno merci proveniente da La Spezia, composto da 14 vagoni, aveva da poco superato la stazione in direzione Pisa quando, secondo una prima ricostruzione, sembra che sia deragliato. Due dei vagoni erano delle cisterne piene di gas gpl.

Da un momento all’altro è stato l’inferno. Nell’impatto sono esplose, investendo anche le palazzine vicine. Gli edifici sono stati subito evacuati, per il pericolo di nuove esplosioni, così come la zona della stazione, posta proprio nel centro cittadino. Le fiamme hanno invaso anche la strada adiacente alla stazione, ustionando alcune persone. Nella zona del supermercato Pam, nei pressi della stazione, in seguito all’esplosione sono crollate due palazzine. I vigili del fuoco sono al lavoro per capire se ci sono delle vittime sotto le macerie. In una delle zone limitrofe il personale del 118 ha allestito una tenda per organizzare i soccorsi sul posto, mentre il presidente della Provincia di Lucca, Stefano Baccelli, ha comunicato che è stata aperta la sede del Co,une in cui predisporre una sala operativa per coordinare le operazioni.

Alle 2.00 circa un team del Dipartimento della Protezione Civile è partito da Roma per aiutare i soccorsi, mentre Guido Bertolaso resta in contatto con il prefetto di Lucca, Carmelo Aronica. Il primo bilancio provvisorio, diffuso dalla prefettura di Lucca, parla di un morto e 50 feriti. Almeno una decina di abitazioni sono andate a fuoco. L’esplosione avrebbe interessato un’area di circa 300 metri, dove si trovano diverse abitazioni a due piani. Le operazioni di soccorso sono rese ancora più difficili dal fatto che sui binari ci sono ancora 12 cisterne piene di gas gpl, alcune rovesciate, con migliaia di litri di liquido infiammabile che rischiano di esplodere. Poco prima delle 3.00 la prefettura ha diffuso un nuovo comunicato: i morti accertati sono sei, mentre decine di persone sono rimaste ferite o ustionate, alcune delle quali anche in modo grave.
L'ipotesi che si fosse trattato di uno scontro tra due treni merci è stata smentita in nottata dalla Prefettura.

Il bilancio potrebbe però essere molto più grave. Diversi testimoni parlano di scene da apocalisse, con automobili che continuavano ad esplodere anche un’ora dopo l’incidente, persone che scappavano coi vestiti in fiamme, cadaveri carbonizzati al suolo o nascosti da teloni.

Commenta Stampa
di Nico Falco
Riproduzione riservata ©