Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

E' siciliano residente in Germania ed ha 25 anni

Treno Santiago, tra le vittime un italiano: Dario Lombardo

Lo rende noto la Farnesina

Treno Santiago, tra le vittime un italiano: Dario Lombardo
26/07/2013, 20:05

SANTIAGO DE COMPOSTELA - È un 25enne originario della Sicilia ma residente in Germania con i genitori la vittima italiana dell'incidente di Santiago, dove hanno perso la vita 78 persone. Secondo quanto reso noto dalle autorità galiziane, il giovane si chiama Dario Lombardo, di Forza d'Agrò, provincia di Messina. Oggi è previsto l'esame del Dna per la conferma ufficiale dell'identità.

La Farnesina ha reso nota l'ufficialità della notizia: c'è una vittima italiana nel disastro ferroviario avvenuto a Santiago, in Spagna. Le autorità hanno confermato che una delle vittime è l'italiano Dario Lombardo. I genitori del giovane siciliano sono a Santiago, assistiti dai funzionari dell'ambasciata italiana. Il rientro della salma avverrà nei prossimi giorni.

Il venticinquenne italiano stava raggiungendo Santiago de Compostela, dove lo aspettavano degli amici. A Santiago ieri sera sono arrivati anche i genitori del ragazzo.

Gli amici del bar che era solito frequentare non vogliono parlare con il cronista: «Non è il momento, scrivete soltanto sciocchezze...», dice infastidito un avventore seduto a un tavolo con un tablet in mano. Neppure il parroco della chiesa della Santissima Trinità si sbilancia: «Aspettiamo dati ufficiali, per il momento non c'è niente di chiaro, nessuno vuole parlare».

«Sono un ragazzo solare, attivo e molto sportivo...ho vissuto per 14 anni all'estero e per questo parlo tre lingue: italiano, inglese e tedesco»: questa la presentazione che da di sè sul social network Netlog Dario Lombardo, il ragazzo italiano morto nel disastro ferroviario di Santiago di Compostela, la cui identità non è però stata ancora ufficialmente confermata in attesa dell'esame di Dna. La sua nascita, secondo i dati del profilo, è il 30 maggio 1988 a Forza d'Agrò. Di professione si dichiara «agricoltore». Gli hobby segnalati: nuoto e calcio.
Quando ancora non c'erano notizie certe su quanto gli fosse accaduto, sulla sua bacheca Facebook le parole della sua fidanzata lasciavano trasparire ansia e preoccupazione: "Amore ti prego basta giocare a nascondino...urla forte a tutti ke stai bene!".

E nell'ultimo post, datato a martedì, Dario scriveva un inno alla vita: "Non ascolto il passato e non guardo il futuro... Mi sento vivo. Mi esalto nel presente, provo gioia come un bambino quando noto un fiore.
Sorrido perche sono l'artefice della mia vita... Sorrido perché sono io a scegliere il mondo che voglio...
Essere... Ogni istante lucido e conscio per sentire il silenzio nella mente, li dove gli altri non arrivano...
Per sentire col cuore e tutti i sensi, le meraviglie donateci da Madre natura in questa vita piena di sorprese”

Commenta Stampa
di Felice Massimo de Falco
Riproduzione riservata ©