Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

L'operazione della Polizia di Stato

Trenta messaggi al giorno per invitarla a cena, denunciato per stalking


Trenta messaggi al giorno per invitarla a cena, denunciato per stalking
18/09/2010, 11:09


CAMEROTA (Sa) - Non erano mai stati fidanzati, non erano usciti insieme neppure una volta perché lei aveva rifiutato qualunque approccio. Proprio per questo, C. V., 35 anni, operaio di Angri, è finito nei guai: per chiederle un appuntamento è arrivato a spedirle trenta messaggi ogni giorno. Che significano oltre novecento in un mese, oltre a squilli e telefonate nel cuore della notte. Una corte diventata presto estenuante, molesta, minacciosa, tanto da trasformarsi in stalking. Vittima della sua ossessione una 32enne di Marina di Camerota, che dopo settimane di apprensione ha trovato il coraggio di denunciare tutto agli agenti dell’ufficio stalking della polizia di Stato di Salerno, diretti dall’ispettore capo Angelo Labella. L’uomo aveva conosciuto la 32enne lo scorso mese di luglio, durante un periodo di vacanza a Marina di Camerota. Da allora non l’ ha più lasciata in pace, continuando a insistere per vederla. Ma è stato a fine agosto, quando la vacanza stava per terminare, che l’ ossessione si è fatta più violenta. I due si sono rivisti di sfuggita in strada. E da allora il ritmo della persecuzione si è fatto incalzante. Il cellulare squillava in continuazione, decine di sms al giorno. In una sola notte, dopo essere stato respinto per l’ ennesima volta, era riuscito a mandarne quaranta. "Voglio vederti, non ce la faccio più", "sono matto di te", era questo il tono dei messaggi. Non solo: la pedinava da casa al lavoro. E non risparmiava nemmeno gli amici della donna, che tempestava di telefonate per informarsi dei suoi spostamenti. Ma era soprattutto quando lei se lo trovava vicino alla macchina, davanti all’entrata dell’ufficio, che si terrorizzava. Ma gli inquirenti sono subito intervenuti e sono riusciti ad identificare il 25enne di Angri. Ora se dovesse continuare a darle noia, finirebbe agli arresti.

Commenta Stampa
di Vincenzo Rubano
Riproduzione riservata ©