Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

La difesa dell'istituto: il ragazzino è problematico

Treviso, 12enne napoletano cambia scuola: per i compagni puzza


Treviso, 12enne napoletano cambia scuola: per i compagni puzza
21/07/2009, 21:07

Puzzava, era figlio di un camorrista, era infetto al punto da dover disinfettare gli oggetti da lui toccati. Queste le accuse che ha dovuto subire un ragazzino napoletano residente a Treviso, con l’unica colpa di essere meridionale. La brutta faccenda è emersa dopo che la madre del 12enne ha raccontato tutto all’emittente televisiva ‘Antenna Tre Nordest’. La donna ha deciso di non sporgere denuncia, ma si è resa conto che suo figlio in quella classe non poteva passarci un minuto di più: per questo motivo ha deciso di trasferirlo in un’altra scuola media.
I compagni di classe, stando al racconto della donna, avevano preso di mira il 12enne perché di origini napoletane. Gli sfottò e gli insulti si sprecavano, dicevano che avevano paura di lui perché “figlio di un camorrista”, lo prendevano in giro intonando canzoni contro i napoletani, lo emarginavano durante le attività scolastiche e ricreative. Come se non bastasse, alcuni dei ragazzi disinfettavano le penne dopo che il 12enne le aveva toccate, “perché puzzava”. La signora aveva provato anche a far presente la situazione alle insegnanti, ma si era sentita rispondere che era il suo ragazzo ad essere problematico.

Commenta Stampa
di Nico Falco
Riproduzione riservata ©