Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

La decisione per protesta contro l'amministrazione comunale

Treviso: "Vendo casa solo a extracomunitari", ed è polemica

La Lega: "E' razzismo al contrario"

Treviso: 'Vendo casa solo a extracomunitari', ed è polemica
02/02/2011, 10:02

PREGANZIOL (TREVISO) - C'è un cartello, davanti ad una abitazione di Preganziol, comune in provincia di Treviso, in via della Resistenza: "Vendesi unità abitativa solo a extracomunitari o cinesi, no italiani". Il tutto scritto anche in cinese. E non è uno scherzo, ma solo il modo con cui la famiglia Pozzebon intende protestare contro il comportamento dell'amministrazione comunale. "Vogliamo andarcene da questo Comune: l'amministrazione ci ha sbattuto le porte in faccia. Ora ce ne andiamo e così aiuteremo quegli stranieri che qui non riescono a trovare casa", ha detto Fabio Pozzebon, alla Tribuna di Treviso. Tutto nasce nel 2009, quando i Pozzebon demoliscono la vecchia casa e al suo posto ne costruiscono una nuova. E la costruiscono a 5 metri dal confine, come prevede il Piano Regolatore fatto dalla precedente amministrazione e mai cambiato. Ma i vicini protestano perchè la precedente casa era a 10 metri dal confine; quindi si va in Tribunale, per una causa costosa e che si annuncia lunga. Qui i Pozzebon si rivolgono all'amministrazione comunale di Preganziol, datoc he loro hanno agito secondo il Piano Regolatore. Ma la risposta che ricevono li raggela: "Il PRG è stato fatto dalla precedente amministrazione, noi non siamo d'accordo".
Da qui nasce l'idea, anche perchè, dice il signor Fabio, "siamo stanchi del comportamento dell'amministrazione che se ne è lavata le mani e dei vicini e in questo modo aiuteremo magari una di quelle famiglie di extracomunitari che qui da noi hanno enormi difficoltà nel trovare casa, sono il testimone di nozze di un ragazzo albanese, lavoro ogni giorno con cinesi e ho grande stima di queste persone".
Ovviamente scandalizzata la Lega da questa iniziativa, con il senatore Piergiorgio Stiffoni che sibila: "Non è forse razzismo al contrario questo?".

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©