Cronaca / Sangue

Commenta Stampa

La vittima, 32 anni, scaraventata contro un edificio

Tromba d'aria su due surfisti a Roma: un morto e un ferito


Tromba d'aria su due surfisti a Roma: un morto e un ferito
20/06/2009, 18:06

E’ stata una tromba d’aria la causa della tragedia che si è verificata oggi a Campo di Mare, località Cerveteri, vicino a Roma, dove Gianluca Pennacchi, 32 anni, è morto dopo essersi schiantato su un palazzo e poi su una recinzione. L’uomo stava facendo kitesurf quando è stato letteralmente sollevato e scaraventato contro l’edificio. Erano da poco passate le 13. A nulla sono serviti i soccorsi che, seppur veloci, non hanno potuto fare niente per salvare la vita del ragazzo. Inutile il massaggio cardiaco praticato dai medici del 118: l’impatto era stato devastante, dopo un volo di una quarantina di metri. La stessa tromba d’aria ha causato il ferimento di un altro surfista, grave dopo aver sbattuto su un’automobile. Il ferito è stato portato in elisoccorso al Policlinico Gemelli. Il tragico incidente si è verificato all’altezza dell’Ocean Surf di via delle Margherite, nel comune di Cerveteri.

Il kitesurf è uno sport relativamente recente, nato alla fine degli anni ’90 nelle acque hawaiane, che prevede l’uso di una tavola collegata a una vela da parapendio che consente, in determinate condizioni di vento, di raggiungere velocità anche molto elevate.

Commenta Stampa
di Nico Falco
Riproduzione riservata ©