Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

È Luigi Bignardi, 68enne: impiccatosi nel suo appartamento

Troppi debiti e tasse: ex imprenditore suicida a Carpi


Troppi debiti e tasse: ex imprenditore suicida a Carpi
19/05/2012, 11:05

CARPI (MODENA) - Troppi debiti e troppe tasse. Ancora una volta sarebbero queste le cause che hanno portato all’ennesimo suicidio: quello del 68enne Luigi Bignardi, ex imprenditore del settore tessile - abbigliamento di Carpi, in provincia di Modena. L’uomo si è impiccato nel suo appartamento, lasciando una lettera destinata a moglie e figli, in cui faceva riferimento ad un debito di 250.000 euro accumulato, almeno secondo quanto sembrerebbe, anche nei confronti di Equitalia. Il suo nome si aggiunge all’elenco, ormai troppo lungo, di persone che hanno deciso di togliersi la vita per motivi economici.
A ritrovare il suo corpo è stata la donna delle pulizie che ogni giorno sistemava la casa. Bignardi viveva da solo, alle spalle aveva un matrimonio fallito, ma condivideva comunque i suoi problemi: i famigliari sapevano del debito, ma pensavano che il problema non fosse insormontabile. Il corpo è stato portato alla Medicina legale di Modena per l’autopsia. Ancora da mettere a fuoco di che natura fosse il debito, verso quali enti, e se tutta la cifra dovesse essere riscossa dall’Agenzia del fisco. L’uomo aveva rilevato, con il figlio, alla fine degli anni Ottanta l’azienda Centertex e l’aveva trasformata in una ditta produttrice di tessuti per la vendita diretta. Aveva poi lasciato l’attività al figlio e si era dedicato all’edilizia, quindi aveva cambiato settore rilevando un prosciuttificio.

Commenta Stampa
di Antonio Formisano
Riproduzione riservata ©