Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

TROVATA LA BMW IN CUI SAREBBE STATO CARICATO IL CADAVERE DI EMANUELA ORLANDI


TROVATA LA BMW IN CUI SAREBBE STATO CARICATO IL CADAVERE DI EMANUELA ORLANDI
14/08/2008, 13:08

Destarono scalpore le dichiarazioni fatte poche settimane fa da Sabrina Minardi, l'ex compagna del boss della "banda della Magnana", in cui affermava che sapeva che Emanuela Orlandi era stata uccisa e caricata in una BMW, per poi essere buttata, chiusa in un sacco, in una betoniera a Torvajanica. Negli ultimi giorni c'è stato un altro testimone che ha confermato i fatti, indicando dove si travava la BMW di allora: nel parcheggio sotterraneo di Villa Borghese. La Squadra Mobile è andata sul posto e l'ha trovata effettivamente. Non si sa se sia quella (sarà la Scientifica a valutare eventuali tracce rimanenti) ma ci sono molte cose anomale. Innanzitutto il primo proprietario di quella automobile è stato Flavio Carboni, un imprenditore indagato e poi assolto in primo grado nel processo per l'omicidio di Calvi; mentre l'ultimo è stato un componente della banda della Magnana, ma non De Pedis. La seconda cosa anomala è il fatto che quella macchina è entrata nel parcheggio nel 1995, cioè è lì da 13 anni. Anche se i responsabili del parcheggio hanno detto che una cosa normale non è tanto anomala perchè è capitato altre volte che delle automobili venissero lasciate lì per anni.

Ora, se quella è veramente la macchina in cui salì la Orlandi il giorno in cui fu rapita nel 1983 e in cui fu trasportato il suo cadavere, le dichiarazioni della Minardi assumerebbero un peso enorme. E la cosa rischia di creare problemi in Vaticano, visto che la Minardi ha coinvolto nella vicenda il cardinale Marcinkus, all'epoca presidente dello IOR, la banca vaticana, un certo Flavio che gli faceva da segretario ed altri prelati.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©