Cronaca / Nera

Commenta Stampa

Matteo Bersichella scomparso mercoledì scorso

Trovato morto al porto ristoratore scomparso da Cerignola

Messaggi di addio e di scuse ritrovato sul corpo

.

Trovato morto al porto ristoratore scomparso da Cerignola
01/03/2011, 18:03

NAPOLI - Il corpo di Matteo Bersichella, scomparso mercoledì scorso e titolare della pizzeria Italia di Cerignola, è stato trovato questa mattina senza vita al molo San Vincenzo, nel porto di Napoli. La scoperta è stata fatta da un militare della guardia di finanza. L'uomo era scomparso, dopo aver lasciato un biglietto alla moglie in cui spiegava di volersi allontanare perchè temeva di essere ucciso. La donna aveva presentato una denuncia al Commissariato di polizia di Cerignola che ora indaga sulla vicenda. Il ristoratore, secondo quanto accertato, negli ultimi periodi aveva sopperito alla mancanza di liquidità chiedendo prestiti; aveva inoltre cominciato a scommettere su Internet.

Al momento del ritrovamento del cadavere, Bersichella aveva nelle tasche un biglietto in cui chiedeva scusa alla moglie, ai figli e ad un fornitore a cui doveva dei soldi per il gesto che avrebbe fatto di lì a poco. Il 46enne di Cerignola è morto presumibilmente per annegamento. Saranno L'autopsia e l'esame tossicologico a chiarire le cause del decesso.
Al momento gli inquirenti non riescono a spiegarsi perche' abbia scelto proprio la citta' di Napoli: non risulterebbero, infatti, legami con amici o parenti in citta'.


Lo scorso 26 febbraio l'uomo era sicuramente ancora vivo: quel giorno chiese l'intervento di un carro attrezzi nei pressi di Avellino. Secondo i militari, simulo' un guasto: fatto sta che lascio' la sua automobile, una Ford Focus, nel deposito, pago' regolarmente e ando' via. Nelle sue tasche, anche se la data non e' del tutto leggibile a causa dell'acqua, e' stato ritrovato anche un biglietto 'Unico Napoli', solitamente utilizzato per il trasporto su bus. E' ipotizzabile, dunque, che l'uomo abbia raggiunto cosi' Napoli.

Commenta Stampa
di Nico Falco
Riproduzione riservata ©