Cronaca / Soldi

Commenta Stampa

Truffe ai danni di istituti bancari: polizia arresta una donna


Truffe ai danni di istituti bancari: polizia arresta una donna
06/03/2010, 12:03

Napoli - Gli agenti del Commissariato di Polizia Montecalvario, hanno arrestato Lidia Leopoldo 46ene, napoletana, su provvedimento di esecuzione di pene concorrenti, emesso lo scorso il 23 febbraio dalla Procura Generale della Repubblica di Genova, dovendo espiare una pena residua di anni 3 mesi 9 gg.14 di reclusione.

La donna, infatti, e' stata più volte condannata dai tribunali di varie citta' italiane per reati contro il patrimonio essendo dedita, in particolare, alla commissione di truffe anche ai danni di istituti di credito, mediante la falsificazione di documenti di identità con i quali incassava assegni di provenienza illecita.

La Leopoldo è stata condannata la prima volta nel 2003 dal Tribunale di Pordenone ad 2 anni di reclusione per ricettazione, falso e sostituzione di persona

L’anno successivo dalla corte d'appello di Napoli a 4mesi e 20 giorni di reclusione per evasione Dal tribunale di Viterbo, nel 2002 ha invece subito la condanna ad una pena di 6 mesi di reclusione per ricettazione, falso e truffa

Nel giugno del 2005 è stata la volta del Tribunale di Roma che l’ha condannata a 5 mesi di reclusione per ricettazione e falso.

Nel marzo del 2006 il Tribunale di Napoli le infligge una pena di 8 mesi di reclusione per tentata rapina

Nel dicembre del 2006 il Tribunale di Ferrara ha emesso una condanna ad 8 mesi di reclusione per furto aggravato e utilizzo indebito di carte di credito

Dal tribunale di Genova, nel maggio 2007, ha avuto una condanna a 3 anni e 4 mesi di reclusione per ricettazione, falso e furto aggravato

L’ultima sentenza è stata infine emessa 15.1.09 dalla Corte d'Appello di Genova che l’ha condannata a 2 anni di reclusione per ricettazione, falso e truffa.

La Procura Generale di Genova, ha quindi determinato la pena complessiva da infliggere alla Leopoldo in 9 anni, 11 mesi e 20 giorni di reclusione, e dopo aver detratto i periodi di carcerazione sofferta e i condoni previsti, ha stabilito che la pena residua definitiva da espiare in carcere è di 3 anni, 9 mesi e 14 giorni di reclusione.

Lidia Leopoldo, dopo gli accertamenti di rito, è stata accompagnata al Carcere

Femminile di Pozzuoli a disposizione dell'Autorità Giudiziaria.



Gli stessi agenti hanno arrestato anche Giuseppe Marramao, napoletano di 46 anni, in esecuzione di un ordine di carcerazione emesso dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Napoli.

L’uomo dovrà scontare la pena di anni 1, mesi 1 e giorni 1 di reclusione per il reato di tentato furto aggravato.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©