Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Truffe alle mense: procedimenti cautelari e perquisizioni

Cibi scaduti e avariati per scuole e ospedali

.

Truffe alle mense: procedimenti cautelari e perquisizioni
02/07/2013, 12:42

NAPOLI - E’ scattata l’operazione "truffe alle mense", che riguarda i servizi di fornitura pasti per scuole ed ospedali. Le indagini condotte dai Carabinieri del Comando Provinciale e del Gruppo Tutela per la Salute, coordinate dalla Procura della Repubblica, hanno condotto ad arresti domiciliari, obblighi di dimora e sospensione per sei persone: imprenditori, dirigenti sanitari ospedalieri e ausiliari sanitari. 53 perquisizioni, inoltre, nei confronti di enti pubblici e locali oltre che di cittadini privati. Tra questi, amministratori delle province di Napoli, Salerno, Avellino e Potenza, in carica e decaduti, un direttore di un ospedale del napoletano, tre medici e due dipendenti dell’Asl. Secondo le ipotesi delle accuse, i cibi scaduti e avariati e forniti in quantità diverse da quelle prestabilite, destinati a bambini di scuole materne e degenti di strutture ospedaliere, sarebbero stati ricondotti ai servizi di una società operante nel settore, la Puliedil srl. Dalle indagini, pare che dal 2009 la società non avrebbe subito controlli sanitari da parte pubblici funzionari, corrotti nel corso delle gare d’appalto e della gestione diretta della mensa. Gli indagati sarebbero quindi  accusati di reati contro la pubblica amministrazione quali associazione a delinquere, corruzione, truffa e frode nelle pubbliche forniture.

 

 

 

 

Commenta Stampa
di Denise Penna
Riproduzione riservata ©