Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Arrestato a Lauria il luogotenente Emilio Russo

Truffe anziani: in manette un sottufficiale dei carabinieri


Truffe anziani: in manette un sottufficiale dei carabinieri
14/05/2010, 12:05


LAURIA (Pz). Il luogotenente dei carabinieri Emilio Russo è stato arrestato con l’accusa di aver coperto una pericolosa associazione criminale. Il sottufficiale dell’Arma, di 54 anni, originario di Ispani, è finito agli arresti domiciliari, su disposizione del gip di Lagonegro Vincenzo Landolfi.  Russo, comandante fino a qualche mese fa della stazione di Lauria, in provincia di Potenza (poi trasferito al comando regione Basilicata), secondo la magistratura è responsabile di aver coperto l’attivitá di un’associazione per delinquere finalizzata alle truffe ad anziani nell’ambito della quale, nel 2004, due coniugi di 77 e 76 anni furono picchiati a morte. Oltre a Russo, i carabinieri della compagnia di Lagonegro, ieri hanno arrestato Giovannina Gagliardi, di 49 anni, ritenuta capo dell’associazione per delinquere: i coniugi uccisi nel 2004 (per il duplice omicidio sconta l’ergastolo l’ex brigadiere dei carabinieri Pietro Mango) erano i suoi suoceri. Gagliardi è detenuta in carcere: l’accusa di aver fatto parte dell’associazione a delinquere riguarda anche Mango e altre quattro persone denunciate. Sono parenti della donna: un impiegato delle Poste, un geometra e un noto avvocato di Lagonegro. Ecco come era stata architettata la truffa. Appresi particolari sui beni mobili (attraverso l’impiegato delle Poste) e immobili (grazie al geometra) degli anziani, Gagliardi si proponeva loro come badante. Poi, piano piano, li allontanava dalle loro famiglie e li convinceva a donare a lei i beni. Se gli anziani si rifiutavano, cominciavano minacce e intimidazioni. La donna ha anche scritto falsi testamenti e atti di donazione, con l’aiuto dell’avvocato e di testimoni infedeli. In particolare il luogotenente Russo è accusato «di aver attestato falsamente, in atti inviati alla magistratura, fatti ed eventi, per coprire Gagliardi». Fra i coniugi presi di mira vi furono Donato Carlomagno e Maria Rossini, uccisi nel 2004 a Rivello. Gli investigatori hanno cercato i complici di Mango e sono arrivati a Gagliardi, a Russo, ai 4 denunciati e ad altre 8 persone, ora indagate.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©