Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Tutto pronto per il 4th Mediterranean Conference On Marine Turtles


Tutto pronto per il 4th Mediterranean Conference On Marine Turtles
04/11/2011, 10:11

Dal 7 al 10 novembre Napoli ospitera la 4th Mediterranean Conference On Marine Turtles, organizzata dalla Stazione Zoologica Anton Dohrn e dall'azienda Carpisa.

CERIMONIA D'APERTURA CON IL SINDACO DE MAGISTRIS

Lunedì 7 novembre alle ore 10.00, nella sala delle conferenze della Porta del Parco di Bagnoli Futura, cerimonia d’apertura e primo giorno dei lavori della 4th Mediterranean Conference on Marine Turtles. Saranno presenti il sindaco di Napoli Luigi De Magistris, Enrico Alleva, presidente della Stazione Zoologica Anton Dohrn, Giovanni Romano, assessore all'Ecologia e Tutela dell'Ambiente della Regione Campania, Alessandro La Posta, direttore generale del Servizio Conservazione della Natura del Ministero dell'Ambiente, Massimo Marrelli, rettore dell'Università Federico II e Luciano Cimmino per l'azienda Carpisa. Presiederà i lavori la dott.ssa Flegra Bentivegna.

Alle ore 16,30 visita guidata al nuovo Turtle Point di via E. Cocchia.

Martedì 8 novembre, mercoledì 9 novembre e giovedì 10 novembre i lavori della Mediterranean Conference on Marine Turtles proseguiranno a CasaCarpisa (Interporto di Nola, lotto H).

COSA E’ LA MEDITERRANEAN CONFERENCE ON MARINE TURTLES

Si tratta di un evento di grande rilevanza scientifica che si svolge ogni 3 anni in una città dell’area mediterranea e che vede la partecipazione di ricercatori provenienti da tutti i Paesi che si affacciano sul Mediterraneo, coinvolti nello studio e nella conservazione delle tartarughe marine. Le ultime edizioni si sono svolte a Kemer in Turchia ed a Monastir in Tunisia.

Alla quarta edizione della Mediterranean Conference on Marine Turtles prenderanno parte circa 200 persone provenienti, oltre che dall’Italia e gli Stati Uniti, da 15 Paesi del Mediterraneo: Francia, Inghilterra, Spagna, Grecia, Turchia, Malta, Cipro, Libano, Israele, Siria, Egitto, Marocco, Tunisia, Libia, Albania.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©