Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Il giovane denunciato per mancato soccorso

Twitta foto di uomo morente senza soccorrerlo: 19enne nei guai


Twitta foto di uomo morente senza soccorrerlo: 19enne nei guai
02/08/2012, 21:36

A solo 19 anni ma rischia di finire seriamente nei guai per aver scattato una foto di un uomo morente e di averla caricata su Twitter per scherzo. il giovane,Ikram Choudhury,  ha visto l’uomo steso sulla strada, ma invece di soccorrerlo, ha pensato bene di fermare la sua auto per scattargli una foto e pubblicarla suTwitter. Il ragazzo, credendo che l’uomo disteso fosse ubriaco, ha scattato la foto e ha accompagnato la pubblicazione con un messaggio tra il divertito e l’incredulo.
Quando gli hanno chiesto perché non ha cercato di aiutare l’uomo, il giovane aveva scherzato sul fatto che temeva di essere violentato se lo avesse fatto. Diversi utenti di Twitter hanno invitato Choudhury ad eliminare la foto e hanno allarmato la polizia. Tutti gli utenti di Twitter hanno ammonito il giovane che non si è minimamente preoccupato di chiamare i soccorsi per farlo aiutare.
In realtà, l’uomo fotografato in una corsia bus in Leith, Edimburgo, è stato ferito a morte, quando un autista lo ha investito e non è riuscito a fermarsi. L’uomo è stato portato poi presso l’Edinburgh Royal Infirmary, ma è morto poco dopo a causa delle gravissime lesioni interne. Il suo nome non sarà rilasciato fino a quando i parenti più stretti non saranno stati informati. La leggerezza commessa, in ogni caso, costerà cara al giovanotto che sarà perseguito per mancato soccorso. Nel frattempo è caccia all’auto pirata che ha investito l’uomo non soccorso dal giovane. La polizia sta cercando una berlina argento Vauxhall Astra, forse a tre porte, che è stata vista nella zona in quel momento.
Un portavoce ha detto: “Questo è stato un terribile incidente. Il conducente è fuggito la scena nonostante i danni alla parte inferiore della vettura e perdite di liquido refrigerante del motore. Il danno sarà evidente a chiunque utilizzi l’automobile. Ci appelliamo a chiunque riconosca tale vettura”.

Commenta Stampa
di Erika Noschese
Riproduzione riservata ©