Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Rubati i dati di 57 milioni di utenti

Uber vittima di un hacker, ha taciuto e pagato un riscatto


Uber vittima di un hacker, ha taciuto e pagato un riscatto
22/11/2017, 10:34

WASHINGTON (USA) - I dati di 57 milioni di persone clienti di Uber - 50 milionidi utenti e 7 milioni di autisti - sono stati rubati da un gruppo di hacker nell'ottobre 2016. Per questo l'allora capo della sicurezza di Uber, Joe Sullivan, pagò 100 mila dollari in cambio della promessa che quei dati sarebbero stati distrutti. A riferirlo è l'agenzia di stampa Bloomberg, che riporta in particolare il caso dei dati di 600 mila patenti statunitensi rubate dagli hacker. 

Nella notizia si specifica che non sono stati rubati nè i dati delle carte di credito nè i numeri di previdenza sociale (l'equivalente del nostro codice fiscale; negli Usa è fondamentale per chi vuole creare documenti falsi) degli utenti in questione. 

In ogni caso, è la dimostrazione di come la gente sia incauta nel mettere on line i propri dati personali. Non esiste un sistema informatico che nonpossa essere violato; e quindi i dati sono alla mercè di chiunque. 

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©