Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

L'accusa è di omicidio volontario

Ubriaco e contromano su A26, arrestato

Il guidatore ha ucciso 4 giovani turisti francesi

Ubriaco e contromano su A26, arrestato
17/08/2011, 19:08

TORINO - Il conducente del Suv che, sabato scorso guidando contromano e ubriaco sulla A26 Voltri- Sempione, ha ucciso quattro giovani turisti francesi in viaggio verso la Slovenia è stato arrestato. Lo ha reso noto la Questura di Alessandria. Ilir Beti, 35 anni, albanese, imprenditore edile residente ad Alessandria era indagato in stato di libertà per omicidio colposo, lesioni colpose e guide in stato di ebbrezza. Soprattutto tra i parenti delle vittime, il suo stato di libertà aveva provocato forte disapprovazione. I dirigenti della Polstrada e della Squadra Mobile nel corso di una conferenza stampa che si è tenuta oggi pomeriggio alla Questura di Alessandria hanno confermato l'accusa di omicidio volontario per Ilir Beti. Tre ragazze e due ragazzi, di cui uno aveva 27 anni, viaggavano sull'Opel Astra con targa francese. Una terza vettura è stata urtata dal Suv. Gli occupanti hanno testimoniato per la ricostruzione  della dinamica dell'incidente. Sono in corso le indagini della polizia per ricostruire la traiettoria del Suv attraverso l'analisi del telepass di cui l'albanese che viaggiava a bordo di un Q7 era dotato. L'albanese ha negato di aver percorso contromano l'autostrada. Anche se ancora sotto interrogatorio, è certo che l'automobilista al momento dell'incidente aveva un tasso alcolemico pari a 1,51 microgrammi al litro, tre volte superiore al limite massimo consentito. L'albanese diretto ad Alessandria avrebbe fatto inversione per dirigersi verso Genova.

Commenta Stampa
di Claudia Peruggini
Riproduzione riservata ©