Cronaca / Nera

Commenta Stampa

L'omicida è in stato di fermo da domenica scorsa

Uccide genitori in Abruzzo, 60 coltellate sulla madre

Per la madre ferite frontali ma anche sulla schiena

Uccide genitori in Abruzzo, 60 coltellate sulla madre
20/11/2012, 20:21

VASTO – E’ sulla madre che M.D.V., in stato di fermo da domenica scorsa per l'omicidio dei genitori, a Vasto, ha infierito di più: una sessantina le coltellate inferte, secondo l'autopsia durata sette ore. Ad eseguirla Pietro Falco, direttore del servizio di medicina legale dell'Asl Lanciano-Vasto-Chieti. Ieri, l'esame sul padre, Emidio Del Vecchio, 78 anni, aveva fatto emergere che era stato ucciso da una quarantina di coltellate. Per la donna, Adele Tumini (72), ferite frontali ma anche sulla schiena. A differenza del marito, deve aver fatto resistenza tanto da presentare segni di difesa sulle mani. Secondo alcuni parenti non era la prima volta che D.V. - che davanti al pm si è avvalso della facoltà di non rispondere - scatenava una lite con i genitori, chiedendo i soldi per acquistare la droga, ma questa volta ha impugnato un coltello e ha colpito. Poi, pulita la scena del delitto, ha nascosto i corpi sotto il suo letto. Domani mattina, in carcere a Vasto, l'udienza di convalida del fermo, alla presenza dell'avvocato difensore Raffaele Giacomucci. Il medico legale ha già riferito al pm Enrica Medori titolare dell'inchiesta i riscontri sulla compatibilità dell'arma utilizzata per il duplice omicidio, un coltello a lama lunga, sequestrato dai carabinieri. 

Commenta Stampa
di Valerio Esca
Riproduzione riservata ©