Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Poi si fece fotografare con parti del corpo dei cadaveri

Uccise 3 afghani per divertimento: ergastolo per soldato Usa


Uccise 3 afghani per divertimento: ergastolo per soldato Usa
11/11/2011, 12:11

WASHINGTON - Calvin Gibbs, sergente e capo di un gruppo di soldati americani, è stato condannato all’ergastolo per aver ucciso tre civili afghani per puro divertimento. La condanna è stata emanata dalla Corte Marziale dello Stato di Washington: secondo l’accusa, infatti, il soldato Usa mise a punto nel 2010 un piano per uccidere civili afghani nella provincia di Kandahar. Per tutti è scattata l’accusa di aver uccisi questi uomini, ma per il sergente Gibbs è scattato il riconoscimento di 15 capi d’accusa, fra i quali 3 omicidi con premeditazione. Il processo nei suoi confronti era cominciato il 28 ottobre alla base militare di Lewis-McChord, a sud di Seattle.
Ciò che più disgusta di questa vicenda è che il giovane militare, di soli 26 anni, con i suoi 5 complici, avevano finto delle azioni di guerra per uccidere i civili. Per di più, non contenti di quanto realizzato, i militari avevano poi tagliato delle dita dai cadaveri come trofei e scattato delle foto con i corpi. La difesa aveva sostenuto che i soldati avevano ucciso i civili in azioni di guerra. La Corte Marziale ha però creduto all’accusa, che sosteneva che gli imputati avessero finto deliberatamente azioni di guerra per mascherare le uccisioni per divertimento.

Commenta Stampa
di Antonio Formisano
Riproduzione riservata ©