Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Il tragico gesto: 50 coltellate alla sua vittima

Uccise per un debito: 14 anni al presentatore tv Cozzi

L’uomo è indagato anche per un altro omicidio

Uccise per un debito: 14 anni al presentatore tv Cozzi
27/02/2012, 17:02

MILANO – Alessandro Cozzi, ex presentatore televisivo di “Rai Educational”, è stato condannato a 14 anni di reclusione per l’uccisione di Ettore Vitiello, responsabile di un’agenzia di lavoro. Tale decisione è stata presa dal gup di Milano, Elisabetta Meyer, a distanza di circa un anno dall’accaduto: era il 29 marzo 2011 quando il conduttore della trasmissione Rai “Diario di famiglia” uccise a coltellate Ettore Vitiello, titolare di un’agenzia di lavoro interinale, al quale doveva 15 mila euro. Sarebbe stata l’insistenza con la quale veniva chiesto di saldare il conto a spingere il presentatore tv a compiere il tragico gesto.
Secondo la ricostruzione, Cozzi avrebbe ucciso Vitiello, dopo essersi presentato nell’ufficio della sua stessa agenzia, tenendolo fermo con il ginocchio e con circa cinquanta coltellate. Il movente, dunque, sarebbe economico: alla base vi sarebbero debiti che Alessandro Cozzi avrebbe dovuto restituire alla sua vittima. Per questo omicidio il pm aveva inizialmente chiesto una condanna pari a 16 anni di reclusione, ma il gup Elisabetta Meyer è partita dalla pena minima di 21 anni, riducendola di un terzo per lo sconto del rito abbreviato. La decisone del gup è stata subito definita “inadeguata” dal legale di parte civile: “sproporzionata per un delitto così efferato”.
L’ex conduttore tv, 53 anni, è anche indagato per omicidio in un altro filone di indagini relative alla morte di un altro uomo, Alfredo Capelletti, che oltre 13 anni fa era un socio in affari di Cozzi: in questo caso la morte è avvenuta nel 1998. Al riguardo è in corso una perizia sul dna e sulle impronte digitali rinvenuti sul coltello che venne ritrovato in mano a Capelletti: gli esiti degli accertamenti, in sede di incidente probatorio, verranno discussi davanti al gip il prossimo 21 marzo.

Commenta Stampa
di Antonio Formisano
Riproduzione riservata ©