Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Ue, allarme razzismo: sono i rom i più discriminati


Ue, allarme razzismo: sono i rom i più discriminati
22/04/2009, 15:04

Una calamità, un fenomeno dalla portata inimmaginabile soprattutto perché sommerso: così l'Agenzia Ue per i diritti fondamentali (Fra) oggi lancia l'allarme razzismo in Europa nei confronti di immigrati e minoranze, nella prima ricerca europea sulle piccole comunità da cui emerge che i rom sono i più soggetti a discriminazioni e crimini razziali. Il sondaggio non ha solo analizzato i dati sugli abusi e le violenze contro le minoranze, dove i rom sono in testa a tutti i risultati. La ricerca ha registrato anche la percezione delle diverse comunità sul Paese che li ospita. E tra le comunità prese in esame, quella che si sente peggio, perché ritiene di vivere in un Paese fortemente razzista, è la minoranza dei nord africani che vive in Italia (il 94% si sente vittima di razzismo), seguita dai rom di Ungheria (90%) e dai nord africani di Francia (88%). A seguire, si sente discriminato il 77% dei romeni italiani e il 76% degli albanesi. Il sondaggio, condotto su un campione di 23.500 immigrati o appartenenti a minoranze, "mostra solo la punta dell'iceberg", secondo il direttore della Fra Morten Kjaerum. E' la prima volta, spiega Joanna Goodey, uno degli autori, che vengono raccolti dati sulle minoranze in Europa e "i risultati sono scioccanti".

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©