Cronaca / Sanità

Commenta Stampa

E' merito della diagnosi pre-concepimento sull'ovocita.

Un bimbo sano da genitori con malattie genetiche


Un bimbo sano da genitori con malattie genetiche
07/07/2010, 15:07

PADOVA - Balza in primo piano il Centro unico di procreazione assistita dell'ospedale di Padova per aver fatto nascere da genitori, portatori di gravi malattie genetiche, un figlio in perfetto stato di salute.
Il merito va alla diagnosi pre-concepimento, che consente di selezionare gli ovociti e non gli embrioni prima della fecondazione. La madre del piccolo nato soffre della sindrome di Smith Lemil Opitz.
"Esaminiamo il primo globulo polare, cioè metà dell'ovocita, che contiene il 50% del corredo cromosomico della cullula- dichiara il professore Carlo Foresta, responsabile del centro- se vi troviamo un'alterazione, utilizziamo per l'inseminazione artificiale la metà sana dell'ovocita".
L'equipe di Padova, che ha già esaminato 88 coppie portatrici sane di 33 malattie genetiche, come la B-talassemia, la fibrosi cistica e l'emofilia, precisa che la diagnosi pre-concepimento può essere applicata a coppie con alterazioni causate da un solo gene o con anomalie cromosomiche materne, ma non è in grado di individuare eventuali patologie trasmesse dal futuro padre. Per conoscere ciò, è necessaria l'indagine pre-impianto sull'embrione, una procedura che il nosocomio di Padova attende di mettere in campo, in seguito all'autorizzazione dalla Regione.

Commenta Stampa
di Tiziana Casciaro
Riproduzione riservata ©