Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Un capolavoro tra le dita.


Un capolavoro tra le dita.
26/05/2009, 07:05

 

CAPOLAVORI TRA LE DITA.

di Raffaele Pirozzi e Giuseppe Biasco


 

“Una esperienza da ripetere!” Questo il commento unanime di tutti i giovani dell’ Unione Ciechi di Napoli, che hanno partecipato, come guide non vedenti, al progetto: “CAPOLAVORI TRA LE DITA”. Organizzato dai Servizi Educativi del Museo Archeologico Nazionale, dal Centro del Libro Parlato, e dall’Unione Ciechi, il particolare progetto ha visto come protagonisti i giovani non vedenti, che, dopo un corso di formazione tenuto nei locali del Museo, hanno imparato a “vedere” le opere in mostra attraverso l’uso delle mani. I giovani dell’Unione, hanno avuto il privilegio raro, di poter toccare i capolavori della Collezione Farnese e le bellissime opere provenienti della Villa dei Papiri di Ercolano. Divenuti esperti, i giovani hanno svolto il ruolo di guide per visitatori non vedenti e per coloro, che bendati, volevano fare l’esperienza di: “ vedere, toccando”. Al progetto ha collaborato anche l’associazione: “Il Vagabondo”, che si occupa con successo di turismo sostenibile, che ha fatto godere ai suoi ospiti una visita veramente particolare. “Capolavori tra le dita”, è stata una manifestazione inserita nel “Maggio dei Monumenti”ed ha goduto del patrocinio del Comune di Napoli. Molte decine di persone si sono avvicinate al “Fauno ebbro”, hanno potuto toccare il “Dorifero”, hanno potuto muoversi attorno al “Toro Farnese”. Molti visitatori non vedenti, guidati con sapienza e maestria dai giovani dell’Unione, hanno potuto apprezzare, quello che per loro era fino a quel momento sconosciuto. Alcuni di loro, hanno ammesso di aver provato un’emozione forte, nuova, sconosciuta. Per l’anno prossimo si replica, con maggiore entusiasmo e più convinzione. Anche i non vedenti hanno diritto al “bello”!

 

Commenta Stampa
di Raffaele Pirozzi
Riproduzione riservata ©