Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

In villa l’iniziativa dell’associazione Chiaia per Napoli

Un concerto stonato per una città scordata


.

Un concerto stonato per una città scordata
12/05/2012, 14:05

NAPOLI - Un concerto stonato per una città scordata. Un messaggio, fatto questa volta con la musica, all’amministrazione comunale di Napoli e che ha come mittente l’associazione civica Chiaia per Napoli stanca, a suo dire, di immobilismi e di mancata programmazione.
E poiché le parole vanno al vento, questa volta si è pensato a qualcosa di diverso: in villa comunale, infatti, un banda di musicisti ha sbandati si è esibita in un concerto stonato in attesa dell’arrivo di un direttore d’orchestra che rimetta al suo posto ogni nota.
L’associazione punta il dito contro la Coppa America: a sentire il presidente Santanelli, a distanza di alcune settimane dall’evento, non si è ancora provveduto a sistemare il lungomare e la villa comunale. “Sulla Coppa America – sottolinea il presidente dell’associazione Chiaia per Napoli - manca ancora il documento contabile con il rapporto costi/benefici, che dovrebbe essere redatto da organizzatori e istituzioni. Di certo, invece, c’è la spremitura dei denari dei contribuenti, come i quattrini buttati per comprare la segnaletica orizzontale che si scolla, come quelli che verranno a mancare alle migliaia di dipendenti che lavorano nel terziario delle 2 maxi ZTL e che sono sull’orlo del licenziamento perché le aziende del commercio e della ristorazione accusano flessioni del 70% di introiti e non ce la fanno a resistere, come quelli dilapidati negli ingorghi stradali per le ore perse al lavoro. E ancora come quelli che serviranno a curare gli effetti dello smog da traffico sulla salute di chi vive fuori dalle ZTL”. Poi un invito ai vertici di Palazzo San Giacomo: “Al sindaco e agli assessori consigliamo una passeggiata, da fare a piedi verso mezzogiorno, da via Foria a piazza Municipio, nel caso si decidano a scollarsi dalle proprie poltrone”, conclude Santanelli.

Commenta Stampa
di Rossella Marino
Riproduzione riservata ©