Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Flash mob in occasione della campagna “One billion Rising”

Un flash mob planetaio contro la violenza sulle donne


Un flash mob planetaio contro la violenza sulle donne
14/02/2013, 20:08

Un flash mob per dire basta alla violenza sulle donne. Milioni sono state le donne che - dall'India all'Afghanistan passando per l'Australia e il Congo - hanno scelto il giorno di San Valentino per rivendicare diritti, rispetto e felicità.
Un flash mob, quello di oggi, organizzato in occasione della campagna mondiale ''One billion Rising'', lanciata dalla scrittrice e attivista femminista Eve Ensler, nota per i suoi ''Monologhi della Vagina''.
''Un miliardo di donne stuprate sono un'atrocità', un miliardo di donne che ballano sono una rivoluzione''. È  questo il messaggio planetario lanciato dall'organizzatrice, a cui hanno aderito testimonial d'eccezione come Robert Redford, Yoko Ono, Naomi Klein, Jane Fonda e Laura Pausini.
A Kabul centinaia di donne e attiviste sono scese in piazza con canti e danze per denunciare la situazione dell'Afghanistan, paese in cui la violenza sulle donne è all'ordine del giorno tra abusi sessuali, matrimoni combinati e delitti d'onore in vertiginoso aumento.
In India, questa campagna è particolarmente sentita, dopo i numerosi casi di stupro di gruppo che nell'ultimo mese hanno sconvolto quella che è considerata la più grande democrazia del mondo ma che in molte zone è ancora fortemente patriarcale e misogena.
Non solo India o Kabul ma oltre 200 paesi e 5.000 associazioni hanno aderito alla campagna fatta di canti, flash mob, marce e danze di Eve Ensler per lanciare un messaggio: non si può restare indifferenti al fatto che un miliardo di donne, una su tre in tutto il mondo, è  stata vittima di violenza almeno una volta nella vita.

Commenta Stampa
di Erika Noschese
Riproduzione riservata ©