Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Taglia sotto misura, Capitaneria in guardia

Un quintale di pesce sequestrato al Mercato di Pozzuoli


Un quintale di pesce sequestrato al Mercato di Pozzuoli
13/08/2010, 17:08

POZZUOLI – Da giorni proseguono le attività di verifica del settore pesca, concordate tra le Capitanerie di Porto e il Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali. Nell’ambito di tali ispezioni sono stati sequestrati 100 kg si pesce sotto taglia nel mercato ittico di Pozzuoli. L’obiettivo dell’operazione è quello di poter controllare l'intera filiera della pesca, mirante a prevenire/reprimere la commercializzazione di prodotti pescati, raccolti ed immessi in commercio senza la necessaria autorizzazione sanitaria e di taglia sottomisura a danno dell'ambiente marino. Il pescato sequestrato era stato portato sui banchi della vendita nonostante sia in vigore la nuova normativa della Commissione europea che prevede da giugno 2010 la possibilità di esercitare la pesca soltanto con maglie più larghe che rendono impossibile, ad esempio, la cattura dei calamaretti e dei rossetti essendo molto piccoli, e nuove distanze dalla costa a non meno di 1,5 miglia per le reti gettate sotto costa, che diventano 0,3 per le draghe usate per la cattura dei bivalvi, come telline e cannolicchi che vivono e si riproducono a pochi metri dalla costa, impedendo di poter pescare delle varietà inferiori ad una determinata misura, tutelando alcune specie protette.  L'operazione ha visto impegnati nelle primissime ore della mattinata odierna il personale del Comando della Capitaneria di Porto di Napoli, che hanno proceduto al sequestro di oltre 100 chilogrammi di prodotto sottomisura, in particolare triglie, merluzzi e sugherelli con ben quattro segnalazioni all'Autorità Giudiziaria. Il prodotto sequestrato, assolutamente commestibile, in accordo con l'Autorità Giudiziaria, è stato interamente donato in beneficenza.

Commenta Stampa
di Elisabetta Froncillo
Riproduzione riservata ©