Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

L’allarme di NoComment, le Istituzioni latitano

Una bidonville ai piedi del Maschio Angioino


.

Una bidonville ai piedi del Maschio Angioino
02/02/2010, 13:02

NAPOLI – Rifiuti dappertutto, sporcizia, tende costruite con materiali di fortuna. Sono queste le condizioni in cui vivono numerosi immigrati a Napoli, a due passi da due dei maggiori simboli della città. Quella che si è formata, ed esiste da almeno un paio di anni, ha tutto l’aspetto di una piccola baraccopoli nata proprio nel cuore della città, tra uno dei monumenti più famosi di Napoli e Palazzo San Giacomo, cuore della politica cittadina.

Per accedere alle tende si passa tra i rifiuti. Sono state posizionate sui gradoni del castello, in un’area maggiormente riparata. E’ possibile vederle sporgendosi anche dall’alto, dal parco del ghiaccio.

Uno dei ragazzi che vivono in quelle tende si è lasciato intervistare. Ai nostri microfoni ha spiegato di essere polacco, di aver lasciato il proprio paese e di essere rimasto senza lavoro. Non ha un altro posto dove stare, non può permettersi una casa né una sistemazione più dignitosa. “Sono finito a fare il barbone”, dice. E aggiunge che i controlli sono praticamente inesistenti: vive ormai da otto mesi sui gradoni del Maschio Angioino, ma non ha mai visto nessuno pulire, né ha avuto mai a che fare con le forze dell’ordine.

L’allarme è stato lanciato dall’associazione No Comment, da mesi attiva sul territorio cittadino per denunciare i purtroppo tanti casi sconcertanti che si verificano a Napoli. “Un fatto, - commenta l’associazione, riferendosi alla baraccopoli ed al luogo in cui si trova, - che dimostra come oramai non c’è alcuna differenza socio-ambientale tra piazza Garibaldi o piazza Municipio, tra i reali giardini del Molosiglio o quelli “benedetti” di Santa Chiara. Questa città condivide, in ogni sua crepa, lo stesso degrado e la stessa sofferenza sociale”.

“Naturalmente, - continua il comunicato, - ci siamo chiesti: ma le politiche sociali? L’ufficio giardini? Il controllo del territorio? E pensare che il nostro presidente Napolitano, il 27 gennaio, è stato al teatro San Carlo, ad appena 85 passi dalla bidon ville!”

Commenta Stampa
di Nico Falco
Riproduzione riservata ©