Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Nel veronese, ordinanza comunale anti-burqa

Una donna in burqa scatena una ordinanza ad personam


Una donna in burqa scatena una ordinanza ad personam
19/10/2012, 18:21

CONCAMARISE (VERONA) - E' bastata una donna in burqa per scatenare una ridda di segnalazioni nel comune di Concamarise, in provincia di Verona. Un pericolo così grave, secondo i cittadini e il sindaco leghista Cristiano Zuliani, da giustificare un provvedimento ad hoc. E così il sindaco ha emesso una ordinanza che punisce con una multa fino a 500 euro chiunque indossi "un abbigliamento che renda difficoltosa l’immediata riconoscibilità della persona". In teoria, la norma servirebbe a punire anche chiunque vada in giro sulla moto con un casco integrale, ma visto il partito del sindaco e l'ambiente, è facile capire che si tratta di una ordinanza che si limita a sanzionare chiunque vada in giro in burqa. E trattandosi di un paesino di 1000 abitanti, è difficile immaginare frotte di donne che indossano quell'abbigliamento. 
Il sindaco si difende sostenendo che è per la sicurezza pubblica, ma la legge già prevede che, di fronte ad un controllo di Polizia,  il velo debba essere sollevato per il controllo dell'identità; e, in caso di diniego, scatta il fermo di Polizia, con accompagnamento alla Questura e fotosegnalamento. 

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©