Cronaca / Sangue

Commenta Stampa

Morto un 44enne e gravissima la figlia incinta

Una lite finisce in tragedia a Lauro

Comunità dell’avellinese sotto choc

.

Una lite finisce in tragedia a Lauro
26/08/2013, 10:20

AVELLINO – Una banale lite, poi attimi di pura follia, poi la tragedia: un uomo spara ed ammazza il vicino di casa e colpisce alla testa la figlia di quest’ultimo incinta. E’ morto così Vincenzo Sepe, 44 anni a Lauro un paese in provincia di Avellino. A uccidere l’uomo  e a ferire i suoi parenti è stato Domenico Schettino, 40 anni, ex guardia giurata ora senza lavoro, che nella serata di sabato aveva avuto un diverbio con lo stesso Sepe e un suo congiunto per questioni di traffico, in particolare una mancata precedenza. Schettino è andato a casa di Sepe e, nel cortile dell'abitazione, ha sparato prima contro di lui, uccidendolo, e poi contro i suoi familiari, ferendo in maniera gravissima la figlia Carolina, 19 anni incinta e il figlio Orlando, ricoverato nell'ospedale di Nola. La ragazza, che è in attesa di un bambino, lotta tra la vita e la morte all’ospedale Cardarelli di Napoli.

 

Commenta Stampa
di Rosario Lavorgna
Riproduzione riservata ©