Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

"Un disagio per gli studenti che usufruiscono dei trasporti"

UnicoCampania non rinnova le agevolazioni sugli abbonamenti


UnicoCampania non rinnova le agevolazioni sugli abbonamenti
30/09/2010, 20:09

NAPOLI - Brutte notizie per i pendolari: il Consorzio “Unicocampania” ha sospeso, infatti, l'accettazione della documentazione per il rilascio e il rinnovo degli abbonamenti annuali per mancanza, al momento, di decisioni regionali circa i fondi per l'integrazione tariffaria.
«Un disagio tutto campano – afferma il Presidente della Federconsumatori Campania, Rosario Stornaiuolo dove a pagarne le spese saranno sempre i più deboli. Penso ai tanti studenti che ogni mattina usufruiscono dei mezzi pubblici. A loro è stato fatto un grande danno, morale oltre che economico. È la palese volontà della giunta Caldoro di tagliare sui più deboli per risanare i conti regionali. La Federconsumatori, in passato, insieme alle organizzazioni studentesche, aveva chiesto alla regione Campania trasporti gratuiti, seguendo l’idea che il diritto allo studio dovesse essere agevolato in qualsiasi modo. La Campania di Caldoro non solo rende chiara l’idea che lo studio sia l’ultimo dei problemi di questa regione ma, addirittura, non tiene conto delle necessità di carattere sociale in questa regione».
Con le ultime decisioni dell’amministrazione guidata da Stefano Caldoro, infatti, Unico Campania non potrà più rinnovare le agevolazioni tariffarie sugli abbonamenti, permesse da un fondo regionale di circa 40 milioni di euro.
«Studenti, pensionati, disoccupati. Sono queste le classi più disagiate che dovrebbe tutelare la politica e che, ancora una volta, vengono messe ai margini della società. A questi, innanzitutto, va tutta la nostra solidarietà. Alcune aziende – aggiunge Stornaiuolo – hanno deciso di recedere dal Consorzio Unico, un grave disagio per la mobilità Campana, già in grave crisi. Il biglietto Unico e le sue agevolazioni è stata una delle poche cose positive in questa città, che ha favorito i collegamenti tra Napoli e la sua provincia. Chiediamo a Caldoro di convocare subito un incontro con la società e farsi carico di questo problema in modo concreto».

Commenta Stampa
di Tiziana Casciaro
Riproduzione riservata ©