Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Unimpresa presenta un codice antiracket per le imprese


Unimpresa presenta un codice antiracket per le imprese
06/02/2009, 17:02

Le imprese che aderiscono ad Unimpresa dovranno adottare un codice antiracket e antiriciclaggio attraverso il quale si impegnano al rispetto di precise regole di legalità.

Una prima bozza del documento sarà presentata nel corso del convegno dal titolo “Diamo fiducia al Mezzogiorno, una risorsa per tutto il Paese”, in programma per lunedì 9 febbraio, alle ore 10, presso la Sala del Parlamentino della Camera di Commercio di Napoli.

I contenuti del codice, alla cui redazione è impegnato un pool di tecnici guidati dal sostituto procuratore della Repubblica presso il tribunale di Benevento, Giovanni Polcini Tartaglia, saranno illustrati da Vincenzo Palumbo, docente di Economia internazionale presso l’Università Federico II di Napoli.

Tema dell’incontro, promosso da Unimpresa, Unione Nazionale di Imprese, è il Sud. “Un’area che dispone di imprenditori impegnati ed aperti verso il cambiamento e lo sviluppo -  si legge nell’invito -  che non chiedono sussidi o finanziamenti a pioggia, ma vogliono un Paese unito e solidale, nel quale non esista più una questione settentrionale contrapposta alla storica questione meridionale. Dare fiducia al Sud è un'opportunità ed insieme una risorsa. Non solo per il Meridione, ma per l'intero sistema Italia”.

Dopo i saluti delle autorità ecclesiastiche e di Gaetano Cola, presidente dell’ente camerale partenopeo, seguiranno l’introduzione di Paolo Longobardi, presidente nazionale Unimpresa e gli interventi di Andrea Cozzolino, assessore alle Attività Produttive della Regione Campania, Cristiana Coppola, vice presidente per il Mezzogiorno di Confindustria, Rosario Altieri, presidente nazionale Agci, Associazione Generale delle Cooperative Italiane, Gerardo Bianco, presidente della Fondazione Animi, Associazione nazionale per gli interessi del Mezzogiorno d'Italia, Luciano Venturini, docente Economia Politica presso Università Cattolica del Sacro Cuore, Pietro Cerrito, segretario Cisl Campania e Fabio Bolognini, amministratore delegato Relter Network Geie. Le conclusioni saranno di Pasquale Viespoli, sottosegretario al ministero del Lavoro, Salute e Politiche sociali.

 
L’iniziativa sarà illustrata lunedì 9 febbraio, alla CCIAA di Napoli, nel corso dell’incontro dal titolo “Diamo fiducia al Mezzogiorno, una risorsa per tutto il Paese”
 

 

 

 

 

Il profilo di UNIMPRESA

 

UNIMPRESA, Unione Nazionale di Imprese, costituisce il sistema di rappresentanza delle micro, piccole e medie imprese, così come individuate dalle norme dell’Unione Europea, nei settori di appartenenza dell’attività primaria, secondaria e terziaria esistenti (artigianato, agricoltura, commercio, industria, turismo, servizi, socio-sanitario, pesca, nautica, costruzioni, trasporti, etc.), nonché di tutti i settori che svolgono un’attività economica, sotto qualsiasi forma giuridica costituite, compresa la forma cooperativa.

La rappresentanza di UNIMPRESA si estende anche alle altre forme di lavoro autonomo, parasubordinato ed ai pensionati.

UNIMPRESA è presente in tutta Italia con sedi territoriali, Federazioni Regionali e Federazioni Nazionali di categoria; ed esplica le sue funzioni nel pieno rispetto dello Statuto, del regolamento di attuazione e del codice etico.

Nata nel 1992, dopo un decennio di attività al servizio della riqualificazione delle PMI partenopee, nel 2003 diventa un’organizzazione nazionale, apartitica, autonoma ed indipendente, fondata sui principi della mutualità, della responsabilità sociale dell’impresa e della libera adesione, ispirata ai principi della dottrina sociale cristiana.

UNIMPRESA attenta ai mutamenti prodotti dalla New economy, dall’e-commerce, dalla globalizzazione, dalla conseguente necessità di internazionalizzazione delle imprese, è la risposta all’esigenza di una nuova e moderna rappresentatività.

Nell’ambito dei ruoli svolti dalle componenti del proprio sistema e grazie alla tenacia e alla consapevolezza di una trasparente linea politica sindacale, UNIMPRESA oggi è presente ai tavoli delle istituzioni pubbliche e private, delle organizzazioni politiche, economiche e sociali a livello locale, nazionale e internazionale, con lo scopo di valorizzazione al meglio le risorse economiche ed umane.

Nel quadro della strategia comunitaria e nazionale orientata allo sviluppo della formazione e alla creazione di un nuovo sistema finalizzato al rinnovamento delle politiche educative e formative, per perseguire gli obiettivi di una maggiore competitività delle imprese, UNIMPRESA ha sottoscritto, con le controparti sindacali, accordi interconfederali nazionali e regionali.

UNIMPRESA è presente nel CNEL nelle associazioni firmatarie dei contratti collettivi nazionali di lavoro ed ha costituito un Ente Bilaterale per il potenziamento e lo sviluppo delle imprese e dell'occupazione.

Attraverso il proprio Centro Studi, formato da rappresentanti del mondo della cultura e dell’economia, UNIMPRESA è impegnata anche nella realizzazione di ricerche, iniziative di studio, previsioni di mercato e promozione di osservatori permanenti su temi e realtà socio-economiche che coinvolgono i settori di rappresentanza dell’Associazione.

 

I numeri del sistema UNIMPRESA

 

- 16 Federazioni Regionali

 

- 15 Federazioni nazionali di Categoria

 

- 61 Associazioni provinciali

 

- 320 Strutture territoriali

 

- 1200 collaboratori territoriali

 

- 98.000 micro, piccole e medie imprese

 

- 13.000 lavoratori autonomi e parasubordinati

 

- 57.000 pensionati e anziani

 

- 300.000 dipendenti

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©