Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Contro i tagli: “Che governo e Parlamento tornino indietro”

Università: l’11 novembre mobilitazione nazionale


Università: l’11 novembre mobilitazione nazionale
07/10/2011, 12:10

ROMA - Contro i tagli all’istruzione, oltre alle scuole, si muovono anche le Università, che per l’11 novembre, giorno d’avvio dell’anno accademico, hanno promosso una mobilitazione nazionale. Tra le richieste più urgenti, tutte indicate in una nota, un finanziamento straordinario “per affrontare le questioni prioritarie del diritto allo studio, del reclutamento in ruolo e del rilancio della ricerca”. “I continui tagli ai fondi per l’ordinario funzionamento, la riduzione del 95% dei fondi per il diritto allo studio, il ridimensionamento dell’offerta didattica, il blocco del reclutamento e delle carriere, l’espulsione di migliaia di precari - si afferma in una nota dei promotori - stanno uccidendo l’Università statale”. “Mentre negli altri Paesi, proprio quando c’è crisi, si investe ancora di più nell’alta formazione e nella ricerca, considerati i principali motori per lo sviluppo culturale, sociale ed economico - aggiunge la nota - in Italia, invece, è sempre più evidente la volontà di cancellare definitivamente l’Università statale, sede di didattica e di ricerca di qualità, negando la dignità degli studenti e di tutte le componenti che vi operano”. Per questo i promotori della mobilitazione chiedono a governo e Parlamento di fare marcia indietro rispetto alle scelte finora fatte.

Commenta Stampa
di Antonio Formisano
Riproduzione riservata ©