Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Ad ucciderlo il figlio, stanco del 'vizio' del padre

Uomo ammazzato per i troppi gratta e vinci


Uomo ammazzato per i troppi gratta e vinci
22/08/2009, 14:08

La fobia del gioco ha portato alla morte un uomo dopo una lite scoppiata con il figlio. Il tutto è successo stamani verso le 7, a Modica, un comune della provincia di Ragusa.
Un uomo ha ucciso il padre stanco delle continue richieste di denaro dell'uomo per comprare i comuni 'gratta e vinci'. Addosso al 73enne Emanuele Moncada, ammazzato a sprangate, infatti, i carabinieri hanno trovato numerosi tagliandi del Gratta e vinci.
Cosi', i militari presumono che la lite sia scoppiata perche' Corrado Moncada, 47 anni, non tollerava piu' il vizio del gioco del padre che, a quanto pare, gli sottraeva di nascosto i soldi per provare la fortuna. Una situazione sempre piu' insostenibile, anche in considerazione delle non serene condizioni economiche del nucleo familiare.
Le liti negli ultimi tempi, per questo motivo, si ripetevano sempre piu' spesso: ieri sera l'animata discussione aveva assunto tono piu' concitati e questa mattina il litigio era continuato, probabilmente perche' l'omicida si era accorto che gli mancavano soldi e che il congiunto aveva acquistato i tagliandi. L'allarme e' stato dato da alcuni vicini di casa che hanno avvertito i carabinieri e il 118. Quando l'ambulanza e' giunta sul posto, pero', per Emanuele Moncada non c'era piu' nulla da fare. L'assassino, ancora con la spranga insanguinata in mano e in stato confusionale, e' stato arrestato dai carabinieri. Accusato di omicidio volontario, e' stato rinchiuso nel carcere di Modica Alta.
 

Commenta Stampa
di Agostino Falco
Riproduzione riservata ©