Cronaca / Nera

Commenta Stampa

La crisi fa altre vittime

Uomo cinese si dà fuoco, vantava dei crediti

Avviate le indagini per ricostruire l'accaduto

Uomo cinese si dà fuoco, vantava dei crediti
15/04/2013, 17:42

FAENZA (RA)-Un imprenditore cinese, questa mattina, si è dato fuoco a Faenza, un paesino vicino Ravenna.

L'uomo quarantatreenne era titolare di una ditta che si occupa del confezionamento di abiti e viveva  a Savignano sul Rubicone.

Alle 8.30 si era presentato davanti all'azienda "Germano Zama", sita in via Gragnolo a Faenza, per riscuotere  il pagamento di un lavoro già eseguito e chiedere, tra l'altro, di essere assunto.

Dinanzi al titolare dell' impresa, nel parcheggio,  l'uomo cinese si è cosparso la testa con un liquido infiammabile per poi darsi fuoco con un accendino.

A spegnerlo sono stati i presenti con estintori e macchinette antincendio per poi portarlo all'ospedale Bufalini di Cesena, dove è ricoverato con prognosi riservata.

Ancora una volta la crisi omicida fa una vittima.

Sul posto è intervenuta la polizia del commissariato cittadino ed è stato avvisato il pm di turno Stefano Stargiotti. Sono i  carabinieri ad avviare le indagini per ricostruire l'accaduto.

Al momento l'ipotesi  più accreditata dagli inquirenti è che l'imprenditore abbia tentato il suicidio dopo la risposta negativa alla richiesta di pagamento da parte dei manager dell'azienda  Germano Zama.

Commenta Stampa
di Flavia Stefanelli
Riproduzione riservata ©