Cronaca / Sanità

Commenta Stampa

La scelta di Obama scatena subito la polemica

USA, Anticoncezionali gratis in tutte le strutture sanitarie


USA, Anticoncezionali gratis in tutte le strutture sanitarie
09/02/2012, 12:02

NEW YORK - Il presidente americano Barack Obama aveva deciso che una delle sue ultime battaglie, prima delle nuove presidenziali, sarebbe stata quella di stabilire l’accesso gratuito ai contraccettivi e alle tecniche di interruzione di gravidanza, in tutte le strutture sanitarie, comprese dunque le università e le cliniche di ispirazione cattolica. Il Dipartimento della Salute ha approvato un decreto legge ad effetto immediato che prevede la gratuità di anticoncezionali e metodi di interruzione di gravidanza in tutte le strutture sanitarie degli Stati Uniti. I piani di copertura assicurativa devono coprire la contraccezione per le donne senza ulteriori costi. Una scelta quella di Obama che non ha tardato a trasformarsi in polemica. I leader della Chiesa hanno chiesto personalmente al presidente americano di assicurare l’eccezione. Obama, che respinge tale richiesta dalla chiesa cattolica per le assicurazioni offerte ai dipendenti degli ospedali cattolici, dei college e delle organizzazioni di beneficenza, ha deciso, dopo aver ascoltato tutte le parti, di concedere loro un anno, fino all’1 agosto 2013, per offrire maggiore flessibilita’ per adattarsi alla nuova regola. “La regola è consistente con le leggi della maggior parte degli stati che già prevedono piani di assistenza che includono tutti i tipi di contraccezione”, ha spiegato Kathleen Sebelius, segretario del dipartimento americano. “Entro un anno tutti i piani assicurativi dovranno fornire questi servizi alle donne che posseggono assicurazione sanitaria, anche se questa è fornita da organizzazioni religiose”. La nuova norma di Obama richiede quindi la copertura assicurativa per tutti i metodi contraccettivi approvati dalla Food and Drug Administration, fra i quali la pillola del giorno dopo.
 

Commenta Stampa
di Marina Ciaravolo
Riproduzione riservata ©