Cronaca / Curiosità

Commenta Stampa

Ora il bigamo rischia fino ad un anno di carcere

Usa: cambia nome e si risposa, Facebook lo smaschera


Usa: cambia nome e si risposa, Facebook lo smaschera
10/03/2012, 15:03

USA - Chi usa Facebook, sa che nella colonna più a destra ci sono uno o più profili racchiusi in un riquadro dal titolo "persone che potresti conoscere". Si tratta semplicemente di persone con cui abbiamo una o più persone in comune nella lista "amici". Eppure questa semplice funzione, fatta per aumentare l'interconnessione tra gli utenti, rischia di mandare in galera un uomo.
Tutto nasce quando una donna, che nel 2001 si era sposata con un tal Alan Fulk e che era stata lasciata da lui nel 2009 senza un regolare divorzio, vede in quel riquadro un'altra donna che conosce e con cui non corre buon sangue. Ma si sa, la curiosità è femmina, dice un proverbio. E così la donna va a sbirciare nel profilo dell'altra. E tra le foto postate ce n'è una dove si vede la donna che taglia la torta nunziale... proprio con Alan Fulk. Scatta la denuncia e qualche breve indagine è sufficiente per scoprire che l'uomo è lo stesso, anche se ha cambiato nome in Alan L. O'Neill. Ma anche se cambiare nome è facile, secondo le leggi Usa, questo non basta ad evitare i rigori della legge. Che considera la bigamia un reato, punito fino a un anno di reclusione.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©