Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Usura: presta 2mila euro e ne rivuole 35mila, arrestato


Usura: presta 2mila euro e ne rivuole 35mila, arrestato
25/09/2010, 11:09


NAPOLI - Gli agenti del commissariato di polizia di Frattamaggiore, hanno arrestato a Cardito Andrea Buono, 27enne di Vignole Borbera (Alessandria), per usura ed estorsione in concorso con una donna di 29 anni denunciata in stato di libertà. La vittima è un imprenditore di Cardito in difficoltà economiche al quale la donna presentò il suo compagno, Buono, spacciandolo per un assistente sociale amico dei Casalesi, in grado di prestargli del denaro. La somma consegnata all'imprenditore fu di 2mila euro. Il patto era che gli interessi sarebbero stati assai alti in quanto il denaro non era di Buono ma dei Casalesi.La millantata amicizia altro scopo non aveva che quello di intimorire l'imprenditore e fargli accettare il fatto che dopo quattro giorni la somma da restituire sarebbe arrivata a 3mila euro, dopo 8 a 4mila e così via. Non avendo potuto restituire il denaro, alla fine del primo mese la cifra era per arrivata 35mila euro. Minacciando l'imprenditore di rivelare il tutto alla moglie, Buono gli avrebbe chiesto la consegna di un furgone e di un'autovettura in garanzia del credito. L'uomo aveva acconsentito. Non riuscendo a riavere la somma prestata, Buono contattò la moglie dell'imprenditore chiedendole una ingente somma per la restituzione del furgone. La donna, su suggerimento della polizia ha quindi accettato la proposta. L'accordo prevedeva la consegna di 12.500 euro. La donna si è recata all'appuntamento convenuto vicino all'Ufficio Postale di Cardito dove Buono è giunto con il furgone del marito per consegnarglielo in cambio del denaro richiesto. Appena si è quindi avvicinato alla donna, i poliziotti, che si erano nascosti nelle vicinanza, lo hanno avvicinato e bloccato. Buono, che ha numerosi precedenti per violazione della legge sugli stupefacenti, è stato arrestato e rinchiuso nel carcere di Secondigliano mentre la complice è indagata in stato di libertà.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©