Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Si registra un forte calo delle prenotazioni per l'estate

Vacanze d'oro in Sardegna: i traghetti aumentano fino al 130%


Vacanze d'oro in Sardegna: i traghetti aumentano fino al 130%
05/04/2011, 09:04

CAGLIARI - SI sono mosse tutte insieme: Grandi Navi Veloci, Sardinia Ferries. Moby Lines. hanno fatto un ritocco mostruosamente alto, alle loro tariffe, per la prossima estate, per chi vuole andare in Sardegna. Si va da aumenti del 60% fino al 130%; troppo costosi per una famiglia media. Una famiglia di quattro persone con auto al seguito - cioè una situazione standard - deve averne di soldi, per spendere 1000 euro solo per il viaggio da Genova a Porto Torres. E questi non sono periodi di vacche grasse, per cui si possa pensare: "Beh, tanto ho risparmiato adesso, ma almeno ho un gruzzolo". La Tirrenia, che è in amministrazione controllata, è l'unica che abbia avuto aumenti più moderati (25-30%); ma almeno ha la scusante di una situazione economicamente disastrosa. E' stato presentato un ricorso all'Antitrust, affinchè indaghi per verificare se c'è un cartello tra le tre società autrici degli aumenti.
Ma questa iniziativa sta creando forti problemi all'economia dell'isola. Gli alberghi registrano cali di prenotazioni nell'ordine del 40%; i campeggi del 25%. In totale si stima una perdita di almeno 15 milioni per l'economia isolana, solo per quanto riguarda l'alloggio. La perdita sarà ancora superiore se consideriamo che, spendendo tanto per il viaggio, è facile immaginare che spenderanno meno per il mangiare, per il souvenir o per le serate nei locali. La Regione ha aperto un tavolo con le compagnie di navigazione per arrivare ad una soluzione, ma sono praticamente tutti fermi sulle loro posizioni. E' stato anche chiesto un aiuto al governo, attraverso la rinuncia all'Iva - che sui trasporti è del 10% - per far abbassare in proporzione i prezzi dei biglietti. Ma si stanno cercando anche soluzioni alternative, come per esempio attivare qualche collegamento alternativo a prezzi ridotti, rispetto a quelli fatti dalle grandi compagnie di navigazione.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©