Cronaca / Sangue

Commenta Stampa

Spariti dal luogo del delitto le mani della donna e l'arma

Varese, anziana sgozzata e mutilata, proseguono le indagini


Varese, anziana sgozzata e mutilata, proseguono le indagini
06/11/2009, 20:11

VARESE – Gli inquirenti sono febbrilmente al lavoro per fare luce sull'omicidio che ha sconvolto la cittadina di Cocquio Trevisago, in provincia di Varese. Carla Molinari, 82 anni, è stata trovata senza vita, in un lago di sangue, nella villetta in cui viveva da sola.
A colpire particolarmente gli investigatori, la ferocia con cui l'assassino ha inferito sull'anziana: il carnefice le ha mozzato entrambe le mani e l'ha sgozzata con tagli così profondi da decapitarla. Poi, ha inferito col coltello sull'addome, dal collo alla cintola. L'autopsia dirà in quale sequenza. I tagli, a quanto si apprende, inferti con precisione, sono stati probabilmente effettuati post mortem. Un modus operandi che, secondo il procuratore capo di Varese, Maurizio Grigo, “spingono le indagini verso qualcosa di preciso”.
Particolare raccapricciante, il fatto che le mani non siano ancora state ritrovate: l'assassino, non si sa per quale motivo, le ha portate via con sé. Non sarebbe nemmeno stata trovata l'arma del delitto. Chi ha agito lo ha fatto incurante inoltre del fatto che la villetta di via Dante Alighieri si trovi ad appena trenta metri da una caserma dei Carabinieri. La Questura di Varese, diretta da Marcello Cardona, ha subito allestito un pool di investigatori scelti, compresi agenti dello Sco arrivati in nottata da Roma, agenti della scientifica e, appunto, la Squadra Mobile.

La donna viveva da sola. Tipografa in pensione, viene ricordata dai vicini come una persona “gentile ed energica”, dalla vita tranquilla, una persona che usciva poco di casa. Di lei si prendevano cura i conoscenti e i pochi parenti rimasti. Ieri sera una cugina di secondo grado, che risiede a Gavirate, le ha telefonato per un saluto. Non riuscendo a contattarla, ha chiesto ad una vicina di controllare. A quel punto, la terribile scoperta.

Commenta Stampa
di Nico Falco
Riproduzione riservata ©