Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Parla padre Federico Lombardi

Vaticano insiste: documento Onu anomalo


Padre Lombardi
Padre Lombardi
07/02/2014, 12:46

ROMA - Con una lunga dichiarazione publilcata sul sito della Radio vaticana il portavoce vaticano, padre Federico Lombardi, torna sul documento pubblicato mercoledì a Ginevra dal comitato delle Nazioni Unite responsabile dell'applicazione della convenzione Onu per la tutela dei minori definendolo "anomalo, con gravi limiti e oltre le sue competenze".

"Le raccomandazioni formulate dal Comitato sono spesso piuttosto scarne e di peso relativo", rileva il gesuita. "Non per caso non se ne è quasi mai sentita eco a livello di stampa internazionale, anche nel caso di Paesi dove i problemi dei diritti umani e dell`infanzia sono notoriamente gravi". "La Santa Sede - come ha detto monsignor Parolin - continuerà ad impegnarsi per attuare la Convenzione e per mantenere un dialogo aperto, costruttivo e impegnato con gli organi in essa previsti", afferma Lombardi.

"Prenderà le sue ulteriori posizioni e ne darà conto, e così via, senza pretendere di sottrarsi a un dialogo autentico, alle procedure previste, con apertura alle critiche giustificate, ma lo farà con coraggio e decisione, senza timidezza". Allo stesso tempo, "non si può non rilevare che le ultime raccomandazioni pubblicate dal Comitato appaiono presentare - a giudizio di chi ha ben seguito il processo che le ha precedute - limiti gravi. Non hanno tenuto conto adeguato delle risposte, sia scritte, sia orali, date dai rappresentanti della Santa Sede. Chi ha letto e ascoltato queste risposte non ne trova riflessi proporzionati nel documento del Comitato, tanto da far pensare che esso fosse praticamente già scritto o perlomeno nettamente impostato prima dell`audizione".

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©