Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Stanco dei continui furti, decide di avvelenare i salami

Veleno nei salami per i ladri


Veleno nei salami per i ladri
04/01/2012, 10:01

ROVIGO - Un uomo sessantenne di Rovigo, Sergio Menegatti da Copparo produttore per consumo personale di salame, è stato vittima di diversi furti, l'ultimo pochi giorni fa. Nel mirino dei ladri sempre i suoi salami fatti in casa. Ma questa volta, l'uomo ha avutoun idea al quanto bizzarra, che ha trovato molti sostenitori in internet e nel paese. L’uomo, esasperato dai continui raid dei ladri, avrebbe iniettato negli insaccati un veleno che abbatterebbe una volpe. Sarebbero tre i pezzi avvelenati su una partita di un quintale: una bondiola, un cotechino e un salame. Il problema è che ora i salami potrebbero finire in "bocca" a qualche malcapitato. La procura di Rovigo, con il pm Stefano Longhi, ha aperto un fascicolo sulla vicenda per avvelenamento di sostanze alimentari. A carico di chi si è reso responsabile del gesto. Il presunto avvelenatore dei salami, che la mattina del primo dell’anno si è recato alla Stazione dei carabinieri di Canaro per raccontare ai militari, sorpresi e preoccupati, che i ladri avevano portato via un quintale di insaccati, ma che stavolta avrebbero trovato pane per i loro denti, potrebbe finire seriamente nei guai. L’inusuale antifurto, infatti, potrebbe costare caro a chi venisse in possesso degli insaccati. Così, l’autorità giudiziaria di Rovigo si è vista costretta ad allertare i presidi ospedalieri del Rodigino e delle province di Ferrara e Padova e pure della Lombardia. Il consiglio ai consumatori è di diffidare dall’acquisto di insaccati offerti fuori dai normali circuiti di vendita. La cosa più curiosa e che l'unica persona a rischiare qualche cosa è solo il sessantenne, poichè se qualquno mangierà il salamen avvelenato sarà lui responsabile, o se come la polizia sospetta, ossia che l'uomo abbia raccontanto di aver usato questa specie di antifurto solo per mettere in guardia i ladri, rischia di essere accusato di procurato allarme.

Commenta Stampa
di Maurizio Abbruzzese Saccardi
Riproduzione riservata ©