Cronaca / Droga

Commenta Stampa

Vendevano droga a suon di applausi. Arrestati in 3


Vendevano droga a suon di applausi. Arrestati in 3
13/02/2010, 15:02

NAPOLI – Ieri sera, agenti del Commissariato di Polizia S. Giovanni-Barra, hanno arrestato Mario Di Pede, 30enne,Demetrio Milone, 30enne e Vincenzo Gargiulo 24enne, tutti pregiudicati, per il reato di detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti, in concorso tra loro.
L’arresto si è verificato nell’ambito di una più vasta e capillare attività di contrasto al fenomeno dello spaccio delle sostanze stupefacenti nel quartiere di S. Giovanni a Teduccio ed in particolare nell’area di edilizia popolare di Via Taverna del Ferro comunemente denominata “Bronx”.
Nonostante le difficoltà derivanti dalla conformazione architettonica del condominio, la presenza di vedette e l’alto tasso di criminalità diffusa, i poliziotti sono riusciti ad osservare e sorprendere i tre nel corso della loro attività di spaccio.
Nell’articolato sistema, i pregiudicati, residenti in zona, avevano avviato una fiorente attività di spaccio al 6° piano di una scala condominiale con compiti ben precisi:
Di Pede era addetto alla vendita, che effettuava attraverso un pesante portone di ferro munito di spioncino, Gargiulo fungeva da vedetta e da filtro per le persone che dovevano acquistare la sostanza stupefacente mentre Demetrio Milone era colui che aveva il compito di custodire la droga presso l’abitazione di Di Pede, qualora fosse arrivata la Polizia.
Articolato è stato l’intervento degli agenti che dopo aver monitorato la presenza degli acquirenti che hanno accolto con un applauso l’apertura della vendita, hanno dapprima bloccato Gargiulo che si trovava in prossimità del luogo dello spaccio mentre altri agenti avevano circondato altre vie di uscita.
Nella concitazione, un’altra vedetta usando un segnale convenzionale ad alta voce pronunciava il nome Antonella, dando la possibilità a Di Pede di scappare attraverso una botola di ferro 50 per 50 per raggiungere un’altra scala, dove è stato bloccato dagli agenti.
Di Pede, prima di introdursi, a voce alta allertava Demetrio Milone affinché portasse il ricavato delle vendite e la droga da smerciare nel suo appartamento ubicato al settimo piano dello stabile.
Quest’ultimo è stato arrestato tra il sesto e settimo piano dagli agenti essendo in possesso della somma di 405,00 euro e di 170 dosi, suddivise tra cocaina e marijuana.
I tre sono stati accompagnati al carcere di Poggioreale.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©