Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Verdi: "assurdo insediamento di rom nell' Oasi protetta del lago Patria a Giugliano"


Verdi: 'assurdo insediamento di rom nell' Oasi protetta del lago Patria a Giugliano'
09/10/2012, 13:00

"Solo un' amministrazione comunale a nostro avviso dissennata - dichiarano il commissario regionale dei Verdi Ecologisti Francesco Emilio Borrelli ed il garante regionale del Sole che Ride Carmine Attanasio - poteva collocare un campo rom all' interno dell' oasi di protezione del Lago Patria a Giugliano. I Rom sono stati infatti spostati da un' area nei pressi del centro commerciale Auchan al lago Patria. Dopo il loro arrivo abbiamo dovuto constatare con dispiacere che le acque del lago si sono riempite di rifiuti e sono cominciati i roghi di rifiuti ( documentazione fotografica fornita da Lucia de Cicco che abita nelle vicinanze ). Questa volta hanno ragione i cittadini a protestare per come è stato gestito questo trasferimento in modo superficiale e contro la natura già da tempo sotto attacco nell' area giuglianese. I Rom devono essere accolti in aree specifiche e attrezzate e non all' interno di oasi naturali che non possono ospitare nessun tipo di insediamento di questo tipo. Inoltre vanno controllati e arrestati coloro che inquinano e bruciano rifiuti producendo le famose nubi tossiche. Poichè il Sindaco di Giugliano sta pensando ad una sua prossima candidatura al parlamento disinteressandosi al territorio chiediamo al Prefetto ed al Questore di seguire la vicenda direttamente affinchè venga evitato il peggio".
"I bambini rom hanno buttato di tutto nelle acque del lago ed hanno iniziato con le mazze a distruggere i cannetti presenti - denuncia Lucia de Cicco che abita nei pressi del lago Patria e da anni si batte per riqualificarlo - scacciando ed impaurendo la fauna locale. Questo è il pericolo che noi denunciamo. Il lago che cerca di rivivere da una parte e l' uomo che lo distrugge.
Appena insediatisi i rom nella piazzola Anas all'uscita dell'asse mediano proprio nei pressi del lago si è innalzata una colonna di fumo nero enorme. Siamo molto preoccupati e indignati con le istituzioni, in particolare con il Sindaco di Giugliano".

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©