Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Verdi e Freebacoli: discarica abusiva nei boschi di Bacoli



Verdi e Freebacoli: discarica abusiva nei boschi di Bacoli
07/04/2011, 09:04

"Un bene di tutti lasciato colpevolmente alla mercé di chiunque - denunciano i Verdi e l' associazione FreeBacoli - abbia bisogno di disfarsi di rifiuti.

Macchia mediterranea flegrea devastata, da anni e tra il silenzio degli organi competenti, da una palese discarica abusiva".

"Rifiuti ingombranti, pericolosi, tossici e speciali - spiega il commissario regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli e l' associazione FreeBacoli - inondano una vasta area del Centro Ittico Campano. Un terreno del Comune di Bacoli.

Siamo in via Spiagge Romane, a pochi passi dalla strettoia del “Gavitello” e dal capolinea della Cumana in Torregaveta. Lì, alle spalle di lidi balneari e nascosta dal folto canneto erto ai margini della strada, una stradina in terra battuta conduce verso un angolo di paradiso trasformato nel peggiore degli inferni".

"Tra decine di frigoriferi, lavandini, televisioni, sedie ed altro tipo di oggetti ingombranti, a stento si fa spazio ciò che resta di una macchia mediterranea - conclude Borrelli - nascosta sotto una coltre di spazzatura.

Trasfigurata dalle lamiere di un’autovettura del tutto incenerita, da ciò che resta di alcuni motorini e di una moto di grossa cilindrata, da un centinaio di pneumatici. Avvelenata da batterie bruciate ed amianto.

Scenario da brividi quello visibile passeggiando tra la bellezza deturpata e l’inquinamento dilagante".

Spettacolo indecente quello che si ripropone sotto gli occhi di chi, dall’alto delle svariate e caratteristiche dune ivi presenti, non può far altro che constatare ciò che attualmente è quest’angolo del Centro Ittico Campano: una discarica abusiva.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©