Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Verdi Ecologisti: "a 45 anni dalla scomparsa Totò dimenticato da istituzioni e cittadini"


Verdi Ecologisti: 'a 45 anni dalla scomparsa Totò dimenticato da istituzioni e cittadini'
16/04/2012, 15:04

"A 45 anni dalla sua scomparsa di Antonio De Curtis in arte Totò - denunciano il commissario regionale dei Verdi Ecologisti Francesco Emilio Borrelli e lo speaker radiofonico Gianni Simioli che martedì dedicherà il suo programma mattutino su ragio Marte Stereo al grande artista partenopeo - non solo non è stato ricordato dalle istituzioni locali e nazionali ma i napoletani hanno realizzato una vera e propria discarica urbana abusiva a Via Guglielmo Gasparrini 1/d nel centro di della città a due passi proprio del teatro il «Totò» come denunciato da tempo dai residenti ( che hanno realizzato la foto allegata ). Quello della discarica a due passi dal Teatro Totò è un affronto, uno sfregio assurdo a cui il comune e i cittadini devono porre rimedio".
"Come è vergognoso - continuano Borrelli e Simioli - che la statua dedicata a Totò il 29 aprile 2007 e realizzata dallo scultore veneziano Antonio Ruffini , a quarant’anni dalla sua morte , collocata nel parco della facoltà di Ingegneria della Federico II° in via Cupa Starza, che per l’occasione fu intitolato al principe della risata è abbandonata e dimenticata. L' opera è alta 163 centimetri, l'altezza reale dell’attore morto nel 1967: il principe De Curtis viene rappresentato in un atteggiamento quotidiano, molto distante dalla sua immagine tradizionale che il cinema ci aveva trasmesso.
In attesa di avere il Museo dedicato a Totò saremmo lieti che i posti e le opere a lui dedicati fossero manutenuti e custoditi con rispetto dalle istituzioni e dai cittadini. Non possiamo criticare il comune di Alassio per come ha trattato in modo irriguardoso la statua di Totò quando a Napoli si fa molto peggio".
Per non dimenticare Antonio De Curtis Gianni Simioli dedicherà l' intera puntata della sua trasmissione di martedì 17 aprile su Radio Marte Stereo al Principe della risata.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©