Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Verdi: "posizioni del Ministro all' Ambiente Clini per gli inceneritori fuori dalla modernità ed antieconomiche"


Verdi: 'posizioni del Ministro all' Ambiente Clini per gli inceneritori fuori dalla modernità ed antieconomiche'
05/03/2012, 17:03

" La posizione del Ministro all' Ambiente Clini ,il primo della storia italiana favorevole agli Ogm, al nucleare e contrario alle rinnovabili, pro inceneritori - dichiara il comissario regionale dei Verdi campani Francesco Emilio Borrelli - è totalmente superata. Purtroppo l' attuale Ministro appartiene ad una cultura industrialista che ritiene non necessaria la differenziata e sostiene solo i termodistruttori mentre oggi esistono decine di nuove possibilità per smaltire i rifiuti senza costruire impianti che hanno un impatto ambientale, sociale ed economico devastante per i territori e gli abitanti. Oggi se gli inceneritori vengono ancora sostenuti e realizzati è solo perchè sono finanziati dal cip6 e assimilati ad energie rinnovabili che non sono. Purtroppo il Ministro Clini, secondo noi, risponde a logiche diverse da quelle dell' ambientalismo e della tutela del territorio come dimostra la sua vita e storia personale per questo è fuori dalla modernità e sostiene progetti per lo smaltimento di rifiuti antieconomici e anti ambientalisti".
"Dal Ministro all' Ambiente - continua Borrelli - oltre alle critiche per il Sindaco de Magistris ci saremmo aspettati una tirata d' orecchi seria per la Regione dove l' Assessore all' ambiente triplopoltronista Giovanni Romano non ha realizzato ad oggi un solo sito di compostaggio ed un solo depuratore in Campania portando a nostro avviso l' intero sistema al collasso. L' unico progetto che stanno tentando di attuare è quello di realizzare una nuova discarica tra Quarto e Pozzuoli nel Castagnaro a pochi metri da un centro abitato e nel cuore di una zona vulcanica. Ci saremmo aspettati un intervento chiaro di Clini contro questa vergogna ma guarda caso questa volta il Ministro tace".

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©