Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Eppure Borghezio lo disse: "La Lega è un partito nazista"

Verona: nella foto artistica, leghisti come nazisti. E' polemica



Verona: nella foto artistica, leghisti come nazisti. E' polemica
07/10/2011, 14:10

VERONA - Sta destando polemiche l'ultima opera del belga, trapiantato a Brescia, Johan Frisò. Si tratta di una foto, ripetuta dal tre volte. SI vede una platea piena di persone, ma ogni volta in una ambientazione diversa: in fondo con le aquile naziste, al centro con l'aquila mussoliniana, sopra con il sole delle alpi, simbolo della Lega Nord ed una sfumatura di colore verde che predomina (nelle altre due predomina il nero). E l'eloquente titolo "La storia si ripete". L'accostamento tra i regimi totalitari e il comportamento dei leghisti è evidente.
Ma è un accostamento che non è piaciuto al parlamentare leghista Matteo Bragantini: "Un conto è la libertà di pensiero e di espressione, anche provocatoria, a cui ha diritto un artista, ci mancherebbe; un altro conto è esternare un insulto come questo ad un movimento solidale come il nostro e che da sempre è stato per la libertà di tutti. Lo ripeto: questo è un insulto che non ammettiamo. Ora valuteremo cosa fare. Non capisco che messaggio abbia voluto dare l’artista, non lo capisco proprio. Se qualcuno ha una critica da fare, anche politica, a qualcuno o a qualche partito o movimento, la esterni a quel soggetto, non lo metta in relazione ad altri eventi o soggetti così negativi che nulla hanno a che fare con la realtà in questione. Non si possono assolutamente accostare due cose come il nazismo e il fascismo ad un movimento come la Lega Nord, scherziamo?"
Eppure già in passato era stato fatto questo accostamento. Lo fece un altro esponente della Lega Nord, Mario Borghezio. In questo video, che gira da tempo su Youtube, si vede come spiega ad alcuni esponenti di un partito francese di estrema destra come la Lega non sia altro che un partito nazista che sfrutta il regionalismo per mettere le mani sul potere politico nazionale.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©