Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

VICENZA: MANIFESTAZIONE CONTRO AMPLIAMENTO DAL MOLIN INTERROTTA DALLE CARCIHE DELLA POLIZIA


VICENZA: MANIFESTAZIONE CONTRO AMPLIAMENTO DAL MOLIN INTERROTTA DALLE CARCIHE DELLA POLIZIA
01/08/2008, 11:08

Ieri sera circa 2000 manifestanti hanno marciato a Vicenza sulla stazione ferroviaria locale, per protestare contro l'ampliamento della locale base militare USA, previsto da tempo. Ma la Polizia, quando ha visto i manifestanti tentare di occupare i binari, ha lanciato una carica, nonostante i manifestanti avanzassero a mani alzate e senza alcuna azione violenta. Hanno colpito con i manganelli, provocando contusioni a molte persone. Ma i "No Dal Molin", che protestano da anni contro questo ampliamento sconsiderato, hanno affinato le loro tecniche di protesta, fatte sempre senza mai arrivare allo scontro fisico. Così alcuni di loro hanno cominciato a cercare un altro passaggio e hanno trovato un cancello secondario aperto, dal quale sono entrati in stazione per poter poi occupare i binari. Dopo una decina di minuti, pressati da Polizia e Carabinieri, i manifestanti hanno liberato i binari, apportando minimi disagi al traffico ferroviario. In effetti hanno poi dichiarato che la loro intendeva essere un'azione dimostrativa contro la sentenza del Consiglio di Stato che ha respinto una precedente sentenza del TAR, dando così il via libera ai lavori; ma anche perchè oggi arriva a Vicenza il Commissario governativo Paolo Costa,

I "No Dal Molin" avevano inizialmente chiesto l'autorizzazione al Questore per la manifestazione, ma il Questore l'aveva rifiutata. Il fatto che l'abbiano fatta lo stesso, porta a pensare che la Polizia visionerà i filmati delle telecamere per poi procedere penalmente contro i manifestanti.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©