Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Vicenza: mozione bipartizan in Provincia contro gli insegnanti del Sud Italia


Vicenza: mozione bipartizan in Provincia contro gli insegnanti del Sud Italia
23/07/2009, 13:07

Una mozione bipartizan, approvata ieri alla Provincia di Vicenza con 26 voti favorevoli su 27, farà discuetre. La mozione vieta alle scuole vicentine di prendere dirigenti scolastici del Sud Italia. Naturalmente proponenti, firmatari e votanti negano qualsiasi intento razzistico e discriminatorio nella mozione. Il fatto - sostengono - è che l'ultimo concorso pubblico per dirigente scolastico è del 2004. In quella occasione si decise di creare una "riserva" di dirigenti scolastici pari al 10% dei posti messi in bando. Ma alcune regioni del Sud sforarono questo tetto. Nel 2007 il governo Prodi, per far terminare la guerra di carte bollate che ne era derivata, stabilì che alle scuole del Nord potevano accedere a queste liste di riserva del sud. Questo permise a numerosi dirigenti scolastici del sud di trovare lavoro al nord. La mozione - sempre secondo i suoi sostenitori - serve solo per evitare che in questa occasione tutti i posti di dirigenti scolastici vadano alle uniche 6 regioni che - secondo il concorso del 2004 - hanno dirigenti da allocare: Lazio, Marche, Campania, Puglia, Sicilia e Sardegna.
E questo non è razzismo? Forse che un dirigente scolastico sardo o campano non vale quanto un dirigente scolastico veneto? Ma ormai sembra che nell'Italia leghista razzismo e xenofobia siano un pregio; e i provvedimenti razzisti e xenofobi siano degni di lode e non anticostituzionali.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©